fbpx
lunedì 30 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

INIZIATIVE LETTERARIE

A Bacoli arriva “Decamerelle”: raccontare ai tempi del Covid-19

Decamerelle - Storie de lo pestilenzioso tempo
Cultura | 9 Aprile 2020

Se non si può vivere la normalità, la si può sempre raccontare: questo il concetto di fondo di “Decamerelle – Storie de lo pestilenzioso tempo COVID-19”. L’iniziativa, partita dal comune di Bacoli attraverso l’assessorato alla cultura e alla partecipazione, promuove un concorso letterario aperto a tutti. Il tema è quello della normalità, ieri, oggi e domani.

Decamerelle nasce dall’incontro tra il presente e il passato: l’attuale situazione dovuta all’emergenza sanitaria e il racconto del “pestilenzioso tempo” trecentesco. Fu infatti così che nacque il capolavoro boccacciano del Decameron, attualizzato nel nome che si unisce a quello di uno dei monumenti-simbolo di Bacoli, le Cento Camerelle. ”Chiusi nelle nostre case – asserisce l’Assessore alla cultura ed alla partecipazione, Mariano Scotto di Vetta– attendendo che passi il “ pestilenzioso tempo”, raccontiamo cio’ che potrebbe essere fuori di casa se tutto fosse come prima. Intrighi, passioni, tradimenti, avventure, in un mondo sempre diverso e sempre uguale”.

Come inviare un racconto per Decamerelle?

La partecipazione al concorso letterario è aperta a tutti, senza vincoli di età, stile di scrittura, lingua o residenza. Ogni giorno, una delle composizioni inviate verrà pubblicata sulla pagina Facebook ufficiale del Comune di Bacoli. Quando tutto sarà finito, una giuria sceglierà i racconti più interessanti che saranno pubblicati in “Decamerelle”, il Decamerone contemporaneo di Bacoli.

Per partecipare, basta inviare il proprio scritto all’indirizzo [email protected] Nella mail, oltre al proprio racconto, bisogna inserire i propri dati di contatto (nome, cognome, numero di telefono o indirizzo e-mail). Il racconto può essere sia in versi che in prosa, e si può scegliere di scrivere sia in italiano che in napoletano.

Scrivere, da sempre, è un gesto estremamente liberatorio e rivoluzionario, ed è proprio nei momenti di crisi che la scrittura ha vissuto i suoi punti più alti. Attraverso questa iniziativa, il comune di Bacoli dimostra ancora una volta la profonda fede nel valore della cultura, come pietra miliare su cui poggiare la rinascita sia sociale che culturale della città.

Un articolo di Marica Mazzella pubblicato il 9 Aprile 2020 e modificato l'ultima volta il 9 Aprile 2020

Articoli correlati

Cultura | 25 Novembre 2020

INTERVISTE A DISTANZA

Leggi, viaggia e colora: il libro d’illustrazioni e leggende da realizzare con il crowdfunding

Cultura | 20 Novembre 2020

NOMINE

Massimo Bray nuovo assessore alla Cultura della Puglia

Cultura | 2 Novembre 2020

2 NOVEMBRE

‘A Livella in edizione speciale e limitata, riedita da Marotta e Cafiero

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi