giovedì 15 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

LA CANZONE

Quando Pino Daniele scrisse “E’ sempe sera” sul terremoto del 23 novembre 1980

Storia | 23 Novembre 2020

“E’ sempe sera” è la canzone che Pino Daniele dedicò alla tragedia del terremoto dell’Irpinia del 23 novembre 1980, esattamente 40 anni fa, e che colpì parte della Campania e della Basilicata causando circa 3000 morti. Un brano duro, triste, che sintetizza perfettamente il periodo buio e difficile che stava vivendo in quei mesi la popolazione campana.
Nonostante la voglia di riscatto (“… e’ sempe ‘ncuollo a voglia ‘e dà'”), lo sconforto di una tragedia simile si ripercuoteva nelle piccole e grandi cose (“… ma i’ mo’ nun ‘ngarro cchiù, nun ‘ngarro cchiù a sunà”).

Non a caso, la traccia dura esattamente come il tempo della scossa che la sera del 23 novembre 1980 si sentì in tutti i comuni campani.

Sembra che Pino registrò il brano per ultimo, a disco ormai pronto ma volle fortemente inserirlo come chiusura di “Vai Mò”.

A distanza di circa dieci mesi dal tragico terremoto dell’Irpinia, in Piazza del Plebiscito oltre 200mila persone, il 19 settembre 1981, si diedero appuntamento per assistere a uno dei concerti più memorabili della storia di Napoli.

In tanti, ancora oggi, in quella stessa piazza dove i napoletani si erano rifugiati le prime notti dopo il sisma con le loro automobili, ricordano quell’evento come un miracolo, che restituì a Napoli la sua incontenibile vitalità per la prima volta a un anno dal sisma. Ad accompagnare sul palco l’allora ventiseienne Pino Daniele, furono Tullio De Piscopo, Joe Amoruso, Rino Zurzolo, Tony Esposito, James Senese gli stessi parteciparono all’uscita del quarto album Vai mo’.
Ecco, volevamo iniziare così questa giornata di commemorazioni: perché dal passato si può trovare sempre forza e ispirazione per addentrarsi verso il futuro.

Chist’anno nun se po’ scurdà
avuote ‘e gira è sempe sera
ma c’amma fà’
pe’ avè nu poco ‘e bene
e’ sempe ‘ncuollo a voglia ‘e dà’
ma i’ mo’ nun ‘ngarro cchiù
nun ‘ngarro cchiù a sunà
Ancora una volta grazie, Pino.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 23 Novembre 2020 e modificato l'ultima volta il 23 Novembre 2020

Articoli correlati

Storia | 13 Aprile 2021

L’INEDITO

Forcella, la strada dei baraccari, dei pannaioli e del Trianon di Cafiero-Fumo in un racconto di 80 anni fa di Cangiullo

Identità | 5 Marzo 2021

Quarant’anni fa usciva “Ricomincio da tre”: i ricordi di Anna Pavignano, compagna e sceneggiatrice di Troisi

Storia | 23 Febbraio 2021

Il commissario Ricciardi e le case di tolleranza di Napoli, raccontate anche da Eduardo, Viviani e Di Giacomo