lunedì 19 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

La capitale mondiale della musica

News | 28 Dicembre 2018

Il miglior modo per rispondere al razzismo e alle persecuzioni contro i napoletani, al silenzio connivente delle alte cariche dello Stato e dei parlamentari, è opporre loro il patrimonio culturale di Napoli. Anche se c’è il rischio che non comprendano. Tra il XVI e il XVIII secolo Napoli fu al centro dell’arte musicale, tanto che un intellettuale quale Charles de Brosses nelle sue “Lettres historiques et critiques sur l’Italie” (1799 postumo) definì Napoli la capitale mondiale della musica.

Conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo (chiesa di Santa Maria della Colonna).
Foto Antonio Lombardi

Napoli aveva ben quattro conservatori (comprendenti anche una chiesa monumentale):
– Conservatorio dei Poveri di Gesù Cristo;
– Conservatorio di Sant’Onofrio a Capuana;
– Conservatorio di Santa Maria di Loreto;
– Conservatorio della Pietà dei Turchini;
Quello di Santa Maria di Loreto confluì poi in quello di Sant’Onofrio a Capuana e, successivamente, dalla fusione dei tre conservatori, nacque il prestigioso Reale Conservatorio di Musica di San Pietro a Majella, tuttora esistente.

Ho stilato un elenco dei compositori che fanno capo alla Scuola Musicale Napoletana, tutti sono stati in relazione con i conservatori, come studenti e/o come insegnanti, o tra di loro. Non tutti sono nati a Napoli, proprio perché la città era polo d’attrazione e luogo indiscutibile di formazione musicale. Da notare, in particolare, la sostanziosa rappresentanza di compositori pugliesi e alcune parentele di musicisti, come ad esempio i Dentice, i Sabino, gli Scarlatti. Ho suddiviso i nomi per secolo e li ho trascritti in ordine cronologico per data di nascita (non sempre i dati sono completi e dove ciò è stato impossibile ho preso in considerazione l’anno della morte). Naturalmente l’elenco non pretende di essere esaustivo ed è aperto ad integrazioni o correzioni.

Alcuni nomi sono assai celebri, altri decisamente più oscuri, così come non tutti hanno la stessa importanza nella storia della musica: ma tutti concorrono a testimoniare la grandezza, anche in campo musicale, di una città che in tal senso si era imposta in tutta Europa e che oggi solo gli ignoranti disprezzano o ignorano.

Nati nel ‘500

– Luigi Dentice (Napoli 1510 – 1566)
– Rocco Rodio (Bari 1530 – 1607)
– Fabrizio Dentice (Napoli 1539 – Napoli 1581)
– Stefano Felis (Bari 20/1/1538 – Bari 25/9/1603)
– Giovanni De Macque (Valenciennes 1548/1550 – 1614)
– Ascanio Mayone (? – 1627)
– Scipione Cerreto (Napoli 1551 – Napoli 1633)
– Pomponio Nenna (Bari 1556 – Roma 25/7/1608)
– Scipione Stella (forse 1558 – Napoli 1622)
– Scipione Dentice (Napoli 29/1/1560 – Napoli 21/4/1633)
– Gesualdo da Venosa (Venosa PZ 8/3/1566 – Gesualdo AV 8/9/1613)
– Giovanni Maria Trabaci (Irsina MT 1575 – Napoli 31/12/1647)
– Sigismondo d’India (Palermo 1582 ca. – Modena 19/4/1629)
– Giovanni Maria Sabino (Turi BA 30/6/1588 – 1649)
– Donato Antonio Sabino (Turi BA 13/2/1591 – Napoli 1650)

Tomba di Giovanni Paisiello (Napoli, chiesa di Santa Maria di Donnalbina), l’autore dell’Inno nazionale delle Due Sicilie.
Foto Antonio Lombardi

Nati nel ‘600

– Erasmo De’ Bartoli (Gaeta LT 1/7/1606 – Napoli 12/9/1656)
– Francesco Sabino (Napoli 1620 – ?)
– Giovanni Salvatore (Castelvenere BN 3/10/1611 – Napoli 1688 ca.)
– Francesco Provenzale (Napoli 15/9/1624 – Napoli 6/9/1704)
– Cristoforo Caresana (Venezia 1640 ca. – Napoli 1709)
– Giovanni Cesare Netti (Putignano BA 4/9/1649 – Napoli ante 31/7/1686)
– Rocco Greco (1650 ca. – ante 1718)
– Gennaro Ursino (Roio del Sangro CH 1650 – Napoli post 1715)
– Gaetano Greco (Napoli 1657 ca. – Napoli 1728)
– Alessandro Scarlatti (Palermo 2/5/1660 – Napoli 24/10/1725)
– Gaetano Veneziano (Bisceglie BA 1665 – Napoli 15/7/1716)
– Francesco Scarlatti (Palermo 5/12/1666 – Dublino 1741 ca.)
– Francesco Mancini (Napoli 16/1/1672 – Napoli 22/9/1737)
– Francesco Nicola Fago (Taranto 26/2/1677 – Napoli 18/2/1745)
– Pietro Filippo Scarlatti (Roma 5/1/1679 – Napoli 22/2/1750)
– Domenico Natale Sarri (Trani 24/12/1679 – Napoli 25/1/1744)
– Giuseppe Porsile (Napoli 1680 – Vienna 1750)
– Giovanni Veneziano (Napoli 11/3/1683 – Napoli 13/4/1742)
– Francesco Durante (Frattamaggiore NA 31/5/1684 – Napoli 30/9/1755)
– Domenico Scarlatti (Napoli 26/10/1685 – Madrid 23/7/1757)
– Carmine Giordano (Cerreto Sannita BN 1685 circa – Napoli 1758)
– Nicola Porpora (Napoli 1686 – Napoli 1768)
– Michele Caballone (Napoli 1692 – Napoli 19/1/1740)
– Leonardo Vinci (Strongoli KR 1690 – Napoli 27/5/1730)
– Francesco Feo (Napoli 1691 – Napoli 28/1/1761)
– Lionardo de Leo (San Vito dei Normanni BR 5/8/1694 – Napoli 31/10/1744)
– Giuseppe de Majo (Napoli 5/12/1697 – Napoli 18/11/1771)
– Riccardo Broschi (Napoli 1698 ca. – Madrid 1756)
– Nicola Bonifacio Logroscino (Bitonto 22/10/1698 – Palermo o Napoli 1764 o 1765)

Nati nel ‘700

– Cristoforo Manna (Napoli 1704 – Napoli)
– Nicola Sabatino (1705 – 1796)
– Giovanni Battista Pergolesi (Jesi AN 4/1/1710 – Pozzuoli NA 16/3/1736)
– Gaetano Latilla (Bari 12/1/1711 – Napoli 15/1/1788)
– Davide Perez (Napoli 1711 – Lisbona 30/10/1778)
– Nicola Sala (Tocco Caudio BN 7/4/1713 – Napoli 31/8/1801)
– Niccolò Jommelli (Aversa CE 10/9/1714 – Napoli 25/8/1774)
– Girolamo Abos (La Valletta, 15/11/1715 – Napoli 1760)
– Nicola Fiorenza (Napoli – Napoli 13/4/1764)
– Gennaro Manna (Napoli 12/12/1715 – Napoli 28/12/1779)
– Emanuele Barbella (Napoli 14/4/1718 – Napoli 1/1/1777)
– Tommaso Traetta (Bitonto 30/3/1727 – Venezia 6/4/1779)
– Gaspare Gabellone (Napoli 12/4/1727 – Napoli 22/3/1796)
– Niccolò Piccinni (Bari 16/1/1728 – Passy 7/5/1800)
– Giovanni Paisiello (Taranto 9/5/1740 – Napoli 5/6/1816)
– Domenico Cimarosa (Aversa CE 18/12/1749 – Venezia 11/1/1801)

___________________

Nella foto in primo piano:
1 – Tomba di Alessandro Scarlatti (Napoli, chiesa di santa Maria di Montesanto), probabilmente il più alto rappresentante della Scuola.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 28 Dicembre 2018 e modificato l'ultima volta il 28 Dicembre 2018

Articoli correlati

Attualità | 10 Luglio 2019

ILVA TARANTO

Nulla di fatto al vertice Mise, intanto la Procura spegne l’altoforno 2

News | 17 Maggio 2019

Parco della Marinella, entro l’anno i lavori di riqualificazione

News | 16 Maggio 2019

VIDEO | Accorinti, già sindaco di Messina: “Salvini? Un nazi-fascista”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi