mercoledì 21 novembre 2018
Logo Identità Insorgenti

LA CELEBRAZIONE

Via Duomo compie 130 anni. Musei gratis e negozi aperti fino a mezzanotte

Beni Culturali, Eventi | 7 novembre 2018

La Notte dei Musei di via Duomo celebra il 130° anniversario della Strada dei Musei: venerdì 9 novembre, dalle ore 20.00 alle ore 24.00, sarà possibile accedere gratuitamente in tutti i musei e partecipare a delle visite guidate

Le origini di via Duomo

Via Duomo è il cardo maior, il più lungo e grande degli antichi cardini cittadini. Per questo motivo, incrocia i tre Decumani principali: il Decumano maggiore, quello superiore (Via dell’Anticaglia) e quello inferiore (Spaccanapoli).

La strada tuttavia non ha avuto da sempre le odierne dimensioni, che ha ricevuto soltanto in epoca recente. Prima di questo intervento urbanistico era un comune vicolo simile ai tanti altri, che veniva chiamato vico del Tarì oppure vico del pozzo bianco fino al decumano superiore e da qui definito fino al Duomo vico Gurgite. Nel Medioevo veniva chiamata vicus radii solis (cioè strada del raggio di sole) in onore di Apollo che sotto la basilica di Santa Restituta aveva il proprio tempio.

Via Duomo in età borbonica

Solo in età borbonica si progettò l’allargamento del vecchio cardine per creare un diretto collegamento nord-sud tra via Foria e via Marina. Nel 1853 Ferdinando II di Borbone approvò il tracciato proposto da Luigi Cangiano ed Antonio Francesconi, mentre si richiedevano notevoli modifiche al precedente progetto del 1839 elaborato da Federico Bausan e Luigi Giordano, ma non si ebbe riscontro fattuale dei progetti.

Nel 1860, Francesco II di Borbone stabiliva che la strada, portata a 60 palmi di larghezza, raggiungesse il vescovado e che la direzione fosse affidata a Cangiano e Francesconi; tuttavia, gli incalzanti avvenimenti politici ne impedirono l’esecuzione. Il progetto presentato nel 1853 fu confermato da Garibaldi, nel decreto edilizio che egli emanò il 18 ottobre 1860; in esso si prevedeva l’allargamento di uno dei cardini del tracciato greco, limitando l’intervento sul lato destro alle sole facciate dei preesistenti edifici (gli androni, le scale e i cortili conservano tuttora, infatti, l’originario aspetto).

Nel marzo del 1861 fu finalmente bandito l’appalto dei lavori, che sarebbero durati fino al 1868 per il tratto fino al vescovado; il prolungamento sino a via San Biagio dei librai e via Vicaria Vecchia fu compiuto invece nel 1870, mentre per il collegamento con la Marina bisognò aspettare sino al 1880, quando fu demolita una navata e ricostruita la facciata della chiesa di San Giorgio Maggiore. Il completamento degli edifici, in questo tratto, sarà compreso nelle opere del Risanamento.

Via Duomo dall’unità ad oggi

La strada ha addirittura assunto alla fine della prima guerra mondiale e per breve tempo il nome dell’allora presidente statunitense Woodrow Wilson.

Durante il periodo della giunta comunale presieduta da Rosa Russo Iervolino si è provveduto ad un rifacimento della pavimentazione, dei marciapiedi e dell’arredo urbano.

Dal settembre 2011 fino all’estate del 2013 il tratto di strada antistante il Duomo è stato chiuso al traffico privato divenendo una corsia preferenziale ad uso esclusivo dei mezzi pubblici e dei residenti nel tratto interessato (mediante attivazione di telecamere), mentre un anno dopo, all’altezza di piazza del museo Filangieri, è stato attivato uno dei varchi elettronici della ZTL del centro antico, anch’esso mediante telecamere. Questi interventi hanno avuto come fine la progressiva diminuzione del traffico automobilistico nell’ottica di riqualificare l’importante percorso turistico. Che presto sarà arricchito della stazione metro e di una pedonalizzazione praticamente completa, proprio per accedere ai 7 musei che la contrassegnano.

Il Programma dei sette musei di via Duomo

Ore 19.00
Concerto dell’ensemble vocale e strumentale Niccolò Jommelli
(ingresso libero fino a esaurimento posti)
Chiesa di Santa Maria della Colonna
via dei Tribunali, 282 Napoli

Dalle ore 20.00:

Chiesa di San Severo al Pendino
Via Duomo, 286
Ingresso gratuito dalle ore 20.00 alle ore 24.00

Complesso Monumentale Donnaregina – Museo Diocesano Napoli
Largo Donnaregina
Ingresso gratuito al museo dalle ore 20.00 alle ore 24.00
Visite guidate gratuite
20.00, 20.30, 21.00, 21.30, 22.00

Complesso Monumentale dei Girolamini
Via Duomo, 142
Visite guidate alla quadreria nella sua nuova sistemazione lungo gli ambulacri su cui affacciano le sale storiche della biblioteca oratoriana.
(Esclusa visita alla Biblioteca)
Visita gratuita solo su prenotazione obbligatoria ai turni di visita
20.00, 20.30, 21.00, 21.30

Il Cartastorie / museo dell’Archivio Storico del Banco di Napoli
Via dei Tribunali, 214
Accesso gratuito al museo, dalle ore 20.00 alle ore 24.00 (ultimo ingresso ore 23.00) solo con prenotazione obbligatoria.
Visite guidate gratuite al percorso multimediale Kaleidos
Ore 20.00, 20.30, 21.00, 21.30, 22.00, 22.30

Museo Civico Gaetano Filangieri
Via Duomo, 288
Ingresso gratuito al museo dalle ore 20.00 alle ore 24.00
Visite guidate gratuite alla sala Filangieri, alla sala Agata e allo studio del Principe
20.00, 20.30, 21:00, 21:30, 22.00, 22:30, 23.00

Museo Madre
Via Luigi Settembrini, 79
Ingresso gratuito dalle ore 20.00 alle 24.00 (ultimo ingresso ore 23.00)
Visite guidate alle mostre in corso e alle Collezioni.
20.00, 20.30, 21:00, 21:30, 22.00, 22:30, 23.00

Museo del Tesoro di San Gennaro
Via Duomo, 149
Ingresso gratuito solo su prenotazione obbligatoria dalle ore 20.00 alle ore 24.00
Visite guidate al museo e alla Cappella del tesoro di San Gennaro.
20.00, 20.30, 21:00, 21:30, 22.00, 22:30, 23.00

Pio Monte della Misericordia (pagina ufficiale)
Via dei Tribunali, 253
Ingresso gratuito solo su prenotazione obbligatoria alle visite dalle ore 20.00 alle 24.00
Visite guidate gratuite al museo
20.00, 20:30, 21:00, 21.30, 22.00, 22.30, 23.00

Programma su www.nottedeimusei.com
Info e prenotazioni ai numeri:
800.600.601
081-19737256

Dispositivo traffico

Per consentire la realizzazione dell’iniziativa “La notte dei Musei di via Duomo”, è stato istituito per venerdì 9 novembre a partire dalle ore 20, un particolare e temporaneo dispositivo di traffico.

In particolare:

  1. dalle ore 20.00 alle ore 24.00, e comunque fino a cessate esigenze, nel tratto compreso tra via Tribunali e Piazzetta San Giuseppe dei Ruffi, il divieto di transito eccetto i veicoli dei residenti e delle persone diversamente abili diretti ai passi carrai presenti sul tratto, i mezzi di emergenza, di soccorso e delle Forze dell’Ordine;
  2. dalle ore 14:00 alle ore 24:00, e comunque fino a cessate esigenze, nel tratto compreso tra via Tribunali e Piazzetta San Giuseppe dei Ruffi, il divieto di sosta con rimozione coatta, eccetto taxi nelle aree ad essi destinati.

Il nostro live da Januarius

Il vicedirettore di Identità Insorgenti dal corner dentro Januarius del giornale intervista il direttore del Museo del Tesoro e del Filangieri nel nostro live.

Lucilla Parlato

Giornalista da sempre, ho iniziato a Napoli per poi emigrare a Roma, dove ho lavorato nella carta stampata, in tv a Mediaset e sul web a Sherpa-Tv (web tv di area Pd) oltre ad aver svolto negli ultimi anni capitolini ruoli di capo ufficio stampa in diverse istituzioni. Poi sono tornata a casa, a Napoli, cinque anni fa per fondare Identità Insorgenti, con un gruppo di amici, uniti dalla volontà di offrire un’altra narrazione del Sud.

Articoli correlati

Beni Culturali | 20 novembre 2018

L’ANTICIPAZIONE

Tre grandi mostre in arrivo a Ercolano: si inizia da SplendOri, sui gioielli degli scavi

Beni Culturali | 19 novembre 2018

LEDA E IL CIGNO

L’ultima meraviglia di Pompei

Attualità | 16 novembre 2018

L’INCONTRO

Ravasi e Sepe si vedono in Vaticano: verso una soluzione per le Catacombe di Napoli