venerdì 17 agosto 2018
Logo Identità Insorgenti

LA DECISIONE

Il consorzio mozzarelle di bufala dice no alle aste al ribasso sulla grande distribuzione

Agroalimentare | 9 agosto 2018

Stop alle aste on line a doppio ribasso per i prodotti di qualità, come racconta il sito agricultura.it, specializzato nel settore agroalimentare. «Si tratta di una pratica messa in atto dalla Grande distribuzione che svilisce l’eccellenza dell’agroalimentare, soprattutto del Made in Italy». Il Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop si schiera al fianco di Coldiretti e Grana Padano, che hanno lanciato il grido di allarme.

Il direttore dell’organismo di Tutela, Pier Maria Saccani, spiega: «Questo tipo di aste rappresentano una delle pratiche maggiormente svalorizzanti per i prodotti Dop e Igp, accanto alla massiccia presenza di prodotti civetta e al continuo ricorso a super offerte. Il percorso che dovrebbe invece coinvolgere la Gdo deve al contrario essere volto a valorizzare al massimo i nostri prodotti, proprio come valore aggiunto anche dei punti vendita». Saccani paventa un fosco scenario futuro: «Il rischio è di essere tutti trasformati in commodities con un appiattimento nella percezione del consumatore. L’ulteriore problematica è rappresentata dal livello qualitativo dei prodotti. Con una corsa sfrenata al ribasso ovviamente la qualità dei prodotti non potrà che diminuire con perdita di competitività sui mercati. E non dobbiamo dimenticare che l’Italia produce qualità, non quantità».

Rinuncia volontaria Il Consorzio valuterà di proporre all’assemblea dei soci una rinuncia volontaria alla partecipazione alle aste della Gdo: «Le aste vanno bene per i quadri, non per il cibo – incalza Saccani – e noi intendiamo portare avanti, insieme agli altri Consorzi e alle organizzazioni di categoria, una battaglia che fa bene all’agroalimentare italiano. Confidiamo nel sostegno del ministro Centinaio, che sin dalle sue prime uscite pubbliche ha rimarcato il suo impegno nella difesa del Made in Italy. A lui chiederemo un incontro sul tema, attraverso le associazioni che rappresentano i nostri Consorzi. I tempi sono maturi – conclude il direttore – per una concreta valorizzazione, anche etica, in particolare del sistema Dop e Igp».

Articoli correlati

Agroalimentare | 27 luglio 2018

UNIVERSITA’

La Federico II promuove la laurea in Scienze gastronomiche mediterranee

Agroalimentare | 19 luglio 2018

LA KERMESSE

A settembre ritorna “Napoli incontra il mondo”

Agroalimentare | 17 luglio 2018

LA SENTENZA

I giudici danno ragione a Cannavacciuolo. Cadono le accuse dei Nas