fbpx
venerdì 10 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

LA FOTO

Navigli affollati e giovani senza mascherina. La Milano irresponsabile che non si ferma

Attualità | 8 Maggio 2020

di Maurizio Zaccone

Ad oggi la sola Milano (non tutta la Lombardia) ha avuto più casi Covid dell’intero Veneto (che è comunque la quarta regione più colpita) e 5 volte in più di tutta la Campania.
Anche ieri in Lombardia si sono registrati 720 casi nuovi; in TUTTO il resto d’Italia sommato non si raggiunge questo incremento.

Qui ti dovresti aspettare, per logica, un senso di responsabilità 10 volte superiore al resto d’Italia; misure speciali prolungate e attenzione ai livelli massimi.

E invece il cazzeggio ai Navigli senza mascherine, senza distanziamento, è uno schiaffo in faccia a tutta l’Italia chiusa in casa, ad ogni commerciante calabrese o molisano, ad ogni parrucchiere campano, ad ogni cittadino che soffre di limitazioni estreme in conseguenza della situazione lombarda.

E non ci si spiega perché ancora si mettano telecamere in altre parti d’Italia e non nel focolaio d’Europa a registrare casi come questo.

E non ci si spiega una fase 2 uguale per tutti quando la situazione non è uguale per tutti.

E non ci si spiega perché non si circoscriva “davvero” la regione focolaio in maniera stringente quanto meno come nella fase 1, consentendo qualcosa in più al resto del paese.
E non ci si spiega perché i dibattiti televisivi stanno ancora a parlare di nord contro sud anziché stigmatizzare queste foto, questi video, che a parti inverse sarebbero state la spiegazione di tutto.
E non ci si spiega come ancora nessuno abbia provato a dire che questa foto, forse, è stata scattata a Napoli.

 

Un articolo di Maurizio Zaccone pubblicato il 8 Maggio 2020 e modificato l'ultima volta il 8 Maggio 2020

Articoli correlati

Attualità | 6 Luglio 2020

PORTO DI NAPOLI

Il cantiere della nuova stazione marittima del Beverello tra caos e riqualifica urbana

Attualità | 3 Luglio 2020

LA POLEMICA

Palazzo Alto di Napoli Centrale: nessun vincolo dalla Soprintendenza

Attualità | 26 Giugno 2020

LA RIVOLTA BULGARA

La verità sugli “schiavi” di Mondragone, dove la zona rossa è l’ultimo dei problemi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi