domenica 16 giugno 2019
Logo Identità Insorgenti

LA GAFFE

Compra Sud: accordo tra Comune e Carpisa. Che però produce all’estero

Attualità | 30 Maggio 2019

Sono 80 adesso le grandi aziende cittadine alleate per lo sviluppo del Progetto “Scegli Napoli” sotto l’egida dell’amministrazione comunale. Da ieri anche la Carpisa: il suo ingresso è stato annunciato ieri in una conferenza stampa dal sindaco Luigi De Magistris e da Flavia Sorrentino, delegata del Sindaco al Progetto Città Autonoma.

Accanto a loro, al tavolo della conferenza, il presidente di Carpisa Raffaele Carlino e Chiara De Rosa, International Department dell’azienda napoletana.

Il Progetto “Scegli Napoli” è nato con l’obiettivo di promuovere l’acquisto di tutti i prodotti realizzati dalle aziende con sede legale nella città di Napoli al fine di sostenere l’economia del territorio, tutelare l’occupazione esistente e creare nuovi posti di lavoro. Carpisa contribuira a dare al Progetto respiro internazionale con tre nuove linee di borse che con il marchio “Scegli Napoli” saranno presenti “nelle vetrine dei nostri negozi in tutto il mondo”, ha precisato Raffaele Carlino.

Sono in totale 620 i punti vendita Carpisa, di cui 220 all’estero in 40 Paesi, con uno sviluppo sempre più importante negli Emirati Arabi dove Carpisa è presente con 27 insegne, tra cui uno store nel Centro Commerciale più grande al mondo, il Dubai Mall.

“Il Progetto Scegli Napoli – ha aggiunto Raffaele Carlino – rappresenta per me un importante ed emozionante ritorno al passato, quando facevo l’artigiano, quando nel doposcuola andavo a lavorare con mio padre. Le tre nuove linee di borse, infatti, saranno realizzate interamente a Napoli grazie anche all’apporto di prestigiosi artigiani quali i cugini Di Lillo”.

Nessuno però ricorda che Carpisa, a parte questa  lodevole eccezione, ha delocalizzato la maggior parte della sua produzione all’estero e precisamente in Cina, dove usa solo il 10 per cento di prodotti italiani.

Carpisa nasce nel 2011, per opera dei due fondatori Maurizio Carlino e Gianluigi Cimmino, entrambi campani. Il Brand è di proprietà di Kuvera s.p.a e, in pochi anni, riesce ad affermarsi nello scenario delle borse e delle valigie femminili, pensate, principalmente, per le donne.

Tuttavia, in seguito, il target dell’azienda, diventa più ampio e la produzione sarà dedicata anche alla vendita dei prodotti maschili, come borselli, valigie, portafogli e altri interessanti accessori.

La piccola tartaruga partenopea (il simbolo del marchio) ha sede legale ancora a Napoli all’interporto di Nola, che prende il nome di CasaCarpisa:12.000 km quadrati, strutturati con spazi comuni, open space, nursery e con il supporto di una componente tecnologica ultra-innovativa. Ma il core business è in Cina.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 30 Maggio 2019 e modificato l'ultima volta il 30 Maggio 2019

Articoli correlati

Attualità | 16 Giugno 2019

RIVIERA DI CHIAIA

Giù le impalcature da palazzo Guevara: ma del monumento allo Scugnizzo in piazza non c’è ancora traccia

Attualità | 13 Giugno 2019

IL COMMENTO

L’avvocato Coppola: “Decreto sicurezza bis, diritti contratti anche allo stadio”

Attualità | 13 Giugno 2019

SCARSA TRASPARENZA

Auricchio sotto accusa. Bismuto: “Occulta carte su tangenziale e parcheggi”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi