mercoledì 18 settembre 2019
Logo Identità Insorgenti

LA MANIFESTAZIONE

Al via il “Maggio dei monumenti” dedicato a Gaetano Filangieri e al “diritto alla felicità”

Beni Culturali, Cultura, Musica, Teatro | 24 Aprile 2019

Una venticinquesima edizione del “Maggio dei Monumenti” ispirata al tema del “diritto alla felicità”, che inizia ufficialmente in concomitanza con la Festa della liberazione del 25 aprile e durerà fino al prossimo 2 giugno. Questa sera, mercoledì 24 aprile alle ore 19, si terrà  un prologo di apertura con il concerto sinfonico con ingresso gratuito dell’Orchestra Scarlatti Junior che si esibirà all’Auditorium Rai di Napoli.

Un’edizione quella di quest’anno intitolata “Il diritto alla felicità. Filangieri e il ‘700 dei Lumi”, che rende omaggio ad uno dei massimi esponenti dell’Illuminismo, il giurista e filosofo napoletano Gaetano Filangieri, che nella sua opera “La Scienza della Legislazione” auspicava una riforma generale della legislazione che consentisse di realizzare lo sviluppo socio-economico degli Stati, la pace e la “pubblica felicità”.

Presentato questa mattina a Palazzo San Giacomo, dall’Assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele, il cartellone ricco di eventi, fra musica, spettacolo, storia e convegni, frutto di un lavoro interistituzionale che ha visto la collaborazione fra Comune di Napoli e i più importanti enti culturali della città, le Università cittadine, i poli museali, fra cui il Museo Civico Filangieri di Napoli, l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, l’Istituto Italiano per gli Studi Storici, l’Accademia di Belle Arti, il Teatro di San Carlo.

Un “Maggio” all’insegna del “diritto alla felicità” soprattutto per i bambini

Il programma si articolerà in una serie di iniziative: concerti, visite guidate, reading, mostre, spettacoli teatrali e di guarattelle, conferenze. Si inizia questa sera ore 19 con il concerto gratuito dell’Orchestra Scarlatti Junior all’Auditorium Rai.  L’Orchestra, formata da ben 112 elementi, di età compresa fra 11 e i 20 anni, si esibirà in un evento sinfonico, a cura della Nuova Orchestra Scarlatti, che saprà emozionare il pubblico con l’energia e l’allegria di questi artisti in erba, che eseguiranno musiche fra gli altri di Bizet, Schumann, e Morricone, diretti dai maestri Gaetano Russo e Bruno Persico.

Fra gli eventi a “misura di bambino” ci sarà il prossimo 28 aprile l’apertura della prima “Casa delle Guarattelle Nunzio Zampella”,  grazie al maestro “guarattellaro” Bruno Leone, in vico Pazzariello 15. Gli spettacoli di guarattelle continueranno per tutto il mese di maggio con la presenza di grandi ospiti come Tonino Taiuti e Mimmo Cuticchio.

L’apertura nel giorno della Festa della Liberazione

La concomitanza dell’inagurazione del “Maggio” con la festa della Liberazione del 25 aprile ha dato lo spunto per organizzare un’iniziativa denominata “La Napoli antifascista – Il diritto di parlare e il dovere di rispondere.”

In migliaia di copie è stato stampato e verrà distribuito negli spazi della cultura del Comune e nelle librerie il “Manifesto degli Intellettuali antifascisti” redatto da Benedetto Croce e pubblicato il 1° maggio 1925.  Dopo le celebrazioni istituzionali dalle 11.30, nella sala dei Baroni al Maschio Angioino, una staffetta di artisti, intellettuali e personalità del mondo della cultura racconterà il proprio senso del 25 aprile con interventi musicali del duo Ebbanesis, Roberto Colella e Dario Sansone.

Le mostre e i convegni

Tantissime le mostre e i convegni organizzati nell’ambito dell’edizione del “Maggio” targato 2019.  Apertura al Maschio Angioino,  fino al 2 giugno, di “Gaetano Filangieri. Lo Stato secondo ragione”, una mostra didattica che riproduce documenti e opere d’arte che ripercorrono le tappe della vita di Gaetano Filangieri. La mostra, a cura dell’Istituto Italiano per gli studi filosofici, presenta i documenti riprodotti grazie alla liberalità della direzione del Museo Filangieri ai quali si affiancano le riproduzioni di rare opere a stampa tratte dalla Biblioteca dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, che promuove tra l’altro anche lezioni e visite guidate sul tema nella sede dell’istituto in Palazzo Serra di Cassano.

Presso la Biblioteca Nazionale, con ingresso libero, sarà aperta dal 1° maggio al 15 giugno la mostra “Il diritto alla felicità. La stagione delle riforme nel Regno di Napoli”, un’ esposizione bibliografica e iconografica che illustra il movimento di opinione che si sviluppa, nella seconda metà del Settecento, intorno alla figura di Gaetano Filangieri, ideatore di un progetto politico di trasformazione dello stato moderno.

Il Convengo al Museo Filangieri dal titolo “Napoli capitale della cultura europea: la modernità del pensiero” su Filangieri e Della Porta a cura dell’Accademia Filangieri-Della Porta.  A questi si aggiungono, fra gli altri, i percorsi tematici presso Palazzo Zevallos Stigliano intitolati “Felicità ambita. Immagini pubbliche e private del Settecento napoletano” , in corso dal 6 maggio al 2 giugno, in collaborazione con l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale”.

La città, inoltre, presenterà delle mostre molto suggestive,  alcune già in corso, come quella al Pan dedicata ad “Escher”, e poi quella incentrata sulla figura di “Muhammad Ali”, inoltre “L’Ironia del Sindaco artista. Disegni di Maurizio Valenzi” e la retrospettiva di Elio Washi.  Nella Basilica della Pietrasanta “Chagall. Sogno d’amore”, nella Cappella Palatina al Maschio Angioino “Crisi e Rinascita” di Marco Campanella, al Museo Filangieri “Un secolo di furore – I caravaggisti del Filangieri” .

“Extases”, la mostra di Ernest Pignon-Ernest, autore della locandina

Per celebrare la venticinquesima edizione della manifestazione l’immagine guida della campagna grafica è stata realizzata da un artista di fama internazionale , Ernest Pignon-Ernest, che l’ha realizzata in collaborazione con gli allievi del primo biennio del corso di “Design per la Comunicazione pubblica” dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli.

Nella chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco sarà possibile visitare la mostra di Pignon intitolata “Extases”. L’artista, inoltre, è l’ideatore e il testimonial della prima campagna antimbrattamento promossa dal Comune di Napoli a tutela del patrimonio storico-artistico cittadino, con lo slogan “Un muro imbrattato è un volto ferito”. Un omaggio dell’artista francese alla città che tanto lo ha ispirato nel corso della sua produzione artistica.

Marisa Laurito, fotografa delle “Terre dei Fuochi”

Presente questa mattina a Palazzo San Giacomo alla conferenza stampa di presentazione del “Maggio” l’attrice Marisa Laurito, che ha presentato la sua mostra fotografica “Transvantgarbage. Terre dei Fuochi e di Nessuno “, aperta dal 16 maggio al 30 giugno con ingresso libero presso il Convento di San Domenico Maggiore, dal lunedì al sabato ore 10 – 18.

“Transavantgarbage” nasce dalla partecipazione dell’attrice al docufilm sulla Terra dei Fuochi dal titolo “l Segreto di Pulcinella”. Appassionata alla tematica ambientale, Marisa Laurito si definisce un’ “Artista in resistenza”, che  non si arrende  al triste fenomeno del biocidio. Da qui è nata l’idea di questa mostra fotografica che denuncia l’insulto ambientale che lede il diritto dei cittadini alla salute e alla vita.

“Il mio intento principale, la cosa che mi spinge più di tutto a fare questa mostra è quella  di smuovere delle coscienze – ha dichiarato Marisa Laurito – Ho fatto un viaggio in queste terre degli orrori, attraverso un’Italia devastata. Su 20 regioni, 19 sono coinvolte e sconvolte da rifiuti altamente pericolosi di ogni tipo, nucleari, industriali, chimici. Si salva solo la Valle d’Aosta”. Il percorso dell’esposizione si snoda attraverso 20 scatti fotografici e 3 istallazioni, che racchiudono un mondo variopinto che è al contempo motivo di evasione, distrazione, ma anche e, soprattutto, riflessione. Una mostra che attraverso immagini, parole e storie, tessere di un puzzle va a ricomporre l’immagine di un’Italia reale, un Paese che, pur devastato dall’inquinamento, non si arrende allo stato delle cose, ma lotta affinchè si possa vivere in un mondo in cui sia garantito il diritto alla salute.

La festa della danza “OnDance – Accendiamo la Danza” organizzata da Roberto Bolle

Per la prima volta approda a Napoli, nel weekend del 18 e 19 maggio, “OnDance – Accendiamo la Danza”, la grande festa della danza voluta e organizzata dalla star internazionale del balletto Roberto Bolle. Una due giorni di eventi gratuiti pensati e voluti per il capoluogo campano che sempre tanto affetto ha dimostrato all’Étoile. Open class, serate di danze sotto le stelle, incontri e show con ospiti di caratura internazionale per un appuntamento imperdibile per gli appassionati della danza, ma anche per curiosi e neofiti.

Concerti e spettacoli teatrali 

Tra le tante iniziative musicali che rientrano nel “Maggio” si segnalano i concerti di musica del Settecento del “XXI Festival Pianistico; Il ‘700: il classicismo, la nascita delle forme e i suoi sviluppi” a cura dell’associazione Napolinova.  L’11 maggio al Maschio Angioino, con ingresso gratuito,  ci sarà il concerto “Suspiro” del trio Suonno D’Ajere, composto da Irene Scarpato (canto), Marcello Smigliante Gentile (mandolino) Gian Marco Libeccio (chitarra classica). Sarà reinterpretata la canzone napoletana, quale ideale punto di connessione tra il classicismo mediterraneo e ricerca di essere contemporanei, proponendo brani meno conosciuti.   A Villa Pignatelli invece si terrà il ” Maggio musicale”, con concerti di musica classica per la direzione artistica di Michele Campanella, e tutte le domenica nella Chiesa di San Potito “That’s Napoli live show”,  il programma di concerti del Coro della città di Napoli. Infine i concerti del “Coro Universitario Joseph Grima” intitolati “La ricerca della felicità è anche nella musica che parte da Napoli”.

Spazio anche alla musica delle bande militari con l’esibizione il 3 maggio all’Auditorium RAI  della Banda delle Forze Navali USA in Europa in collaborazione con il coro That’s Napoli Live Show, che presenteranno “Lo Spring concert”. Il 6 maggio, invece, nella Sala Scarlatti del Conservatorio di San Pietro a Majella ci sarà il concerto della Banda Musicale dell’Esercito.

Alle iniziative musicali si aggiungono quelle di teatro, fra le quali segnaliamo la  minirassegna teatrale “I Colori della Felicità” con spettacoli tratti da classici della letteratura che si svolgeranno nel Chiostro del Convento di San Domenico Maggiore a cura dell’Associazione Culturale Il Pozzo e il Pendolo.  La rassegna “Tutto il mondo è palcoscenico”, organizzata presso il Succorpo vanvitelliano della Real Casa Santa dell’Annunziata,  dedicata all’arte e alla figura di William Shakespeare con la direzione artistica di Gianmarco Cesario. Roberto Azzurro sarà di scena l’11 maggio con “Scarrafunera” e il 3 maggio invece “La ballata del carcere di Reading”, aprirà la tre giorni di teatro e musica a cura dell’Associazione Wunderkammer al Cimitero delle Fontanelle.

Sabato 4 maggio ore 20 presso la Sala degli Specchi dell’Istituto italiano per gli studi filosofici si terrà lo spettacolo teatrale “Eleonora Pimentel Fonseca, con civica espansione di cuore” nell’ambito della rassegna “Montedidio Racconta”, scritto e diretto da Riccardo De Luca, con Annalisa Renzulli.

Visite guidate e reading

Molti i reading, come la lettura teatralizzata “Voglio essere felice” a cura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e le lezioni nelle scuole “Felicità pubblica, felicità privata: un dibattito settecentesco” a cura dell’Istituto italiano per gli studi storici. A questi si aggiungono gli incontri tra parole, musica e immagini intitolati “La felicità a Napoli: Goethe incontra Filangieri”, con letture di Enzo Salomone a cura del Certamen Vichiano che si svolgeranno tra il Maschio Angioino e la Sala Ichos.

Una parte importante del “Maggio” è dedicata alle visita guidate che attraverseranno la città in lungo e largo, accompagnando i visitatori alla scoperta della bellezza della città e dei suoi tesori spesso nascosti. Molte visite saranno incentrate sul tema cardine di questa edizione, ovvero il diritto alla felicità, la figura di Gaetano Filangieri e la sua opera, e dunque alla ricerca dei suoi luoghi, della sua storia e del suo secolo, il Settecento. Inserito anche quest’anno nel “Maggio” il programma di visite guidate condotte dalle scuole cittadine coordinate dalla storica Fondazione Napoli 99.

Tutto il programma completo e aggiornato delle iniziative, con orari e prezzi degli spettacoli,  è disponibile on line sul sito ufficiale del Comune di Napoli.

Sabrina Cozzolino

1. Maggio dei Monumenti 2019 – Felicità, Filangeri, Settecento (2)

3. Maggio dei Monumenti 2019 – visite guidate (1)

4. Maggio dei Monumenti 2019 – Mostre (1)

Un articolo di Sabrina Cozzolino pubblicato il 24 Aprile 2019 e modificato l'ultima volta il 24 Aprile 2019

Articoli correlati

Beni Culturali | 10 Settembre 2019

BUONE NOTIZIE

Riapre Carminiello ai Mannesi: come e quando visitarlo

Grand Tour | 8 Settembre 2019

GRAND TOUR

La Basilica di S. Restituta e il battistero di S. Giovanni in Fonte

Eventi | 7 Settembre 2019

BUFALA FEST

Le Centenarie incontrano i bambini della Fondazione Fabozzi per una domenica di pizza e solidarietà

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi