mercoledì 22 maggio 2019
Logo Identità Insorgenti

LA MOBILITAZIONE

Situazione preoccupante per 200 bambini al Campo Rom di Giugliano: Caritas e associazioni in campo

Diritti e sociale | 12 Maggio 2019

Dopo lo sgombero di due giorni fa del campo Rom al confine tra Giugliano e Qualiano, la situazione per i 600 sfollati è preoccupante come si può facilmente immaginare.

Gli sgomberati si sono spostati di poche decine di metri dal sito dell’ex fabbrica Schiattarella occupando un terreno nei pressi di Via Carrafiello.

Il.sindaco ha dato il via libera alla sistemazione nel terreno sebbene non di proprietà comunale.

Nessuna risposta

Nessuna risposta da parte del comune di Giugliano, che pure aveva promesso aiuti economici e sostegno alla comunità Rom.

Per il momento il primo cittadino ha solo espresso la sua soddisfazione per uno sgombero avvenuto in maniera tranquilla e quasi spontaneamente.

Bambini e donne a rischio

Nel frattempo donne incinte e almeno 200 bambini non hanno i servizi minimi: acqua, energia elettrica, bagni chimici.

“Ci siamo tutti molto preoccupati per la vita della piccola Noemi” affermano i portavoce di Caritas e associazioni, “in questo campo abbiamo 200 piccole Noemi senza acqua, elettricità, che hanno dovuto lasciare la scuola”.

Una situazione preoccupante, per cui la comunità Rom chiede soluzioni.

Nel nostro breve sopralluogo di questa mattina abbiamo raccolto alcune testimonianze dei desideri degli abitanti del campo che chiedono case e sicurezza come tutti gli altri abitanti di Giugliano.

Simona Sieno

Un articolo di Simona Sieno pubblicato il 12 Maggio 2019 e modificato l'ultima volta il 13 Maggio 2019

Articoli correlati

Attualità | 20 Maggio 2019

DIRITTI UMANI

A Giugliano, tra le persone sinti e rom sgomberate, la situazione resta preoccupante

Altri Sud | 19 Maggio 2019

PATRIMONI UNESCO

Intervista a Sonia Polliere: da Napoli a Oaxaca per salvare le lingue indigene

Attualità | 1 Maggio 2019

SCOMMESSE VINTE

Per il primo maggio in trecento a Pietrarsa per ricordare i primi morti d’Italia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi