sabato 15 dicembre 2018
Logo Identità Insorgenti

LA MOSTRA

Alla Galleria Movimento Aperto di via Duomo le “Grandi Maestre” di Silvana Leonardi

Cultura | 10 Marzo 2018

 

Con un doppio appuntamento a Napoli e a Santa Maria Capua Vetere, l’artista romana Silvana Leonardi, ci invita ad una riflessione sulle sue “Maestre”. Sono i volti della cultura che l’hanno formata e che permeano la storia di tutti noi. Un’occasione per riflettere sulle donne-icona, sulla parola declinata al femminile e incontrare i primi piani della storia riletti dalla sua pittura.

Intorno alla festa della donna, mercoledì 7 marzo e giovedì 8, prima nella Galleria Movimento Aperto di Ilia Tufano (via Duomo 290) e poi nel foyer del Teatro Garibaldi, l’artista Silvana Leonardi ha esportato in Campania dal suo studio di Trastevere, i lavori dedicati alle donne della cultura poliedrica della sua vita. A Napoli, ha scelto di presentare tra le altre: Anna Maria Ortese, Emily Dickinson, Virginia Woolf, Louise Bourgeois, George Sand, Colette e Grazia Deledda, mentre a Santa Maria Capua Vetere ha portato tra le altre Eleonora Duse, Edith Piaf, Luisa Sanfelice, ed Eleonora Pimentel Fonseca.
Detti così sembrano un elenco di nomi scontati. Ma poi a guardarli in faccia quei volti, nella versione di Silvana Leonardi, verrebbe da domandarle per ogni singola opera la sua personale relazione: quando le ha incontrate e perché le ha scelte una ad una. Il primo concetto che Silvana ci tiene a spiegare è la differenza che risiede nella parola maestri/maestre: al femminile rimanda immediatamente al concetto didattico di scuola o a quello materno. La madre è in fondo la nostra prima maestra. Lei stessa nel presentare i suoi lavori osa ammettere che alla domanda su chi siano i maestri nell’arte che l’hanno segnata, ripete per primo il nome degli uomini: “…e solo raramente, facendo particolare attenzione, cito i nomi delle mie maestre”. E prosegue con grande sincerità, spiegandoci che solo dopo aver distinto la differenza tra madre e maestra e aver scavato “il fiume carsico del sapere femminile”, è riuscita a manifestarle davvero per quelle grandi artiste che sono state. E così ce le presenta di primo piano, faccia a faccia.
Nella sua pluriennale esperienza artistica in giro per il mondo, e soprattutto la formazione a Monaco di Baviera, tanto da scegliere il nome “ZU SPÄT?” (Troppo Tardi?) per il suo studio trasteverino, risiede un piccolo segreto per guardare questi volti: non è ovviamente mai troppo tardi per entrare in contatto con la vita e le opere di queste Maestre, i cui volti mostrano costantemente un effetto cracklè non a caso. La patina che ne screpola la superficie, è quella del tempo e nient’altro che la distanza temporale ne impedisce la visione.
I “Volti di Sapienza” come lei li chiama, accompagnandoli con versi significativi ispirati all’arte greca delle fanciulle sempiterne dell’arte ateniese, le korai, si rivelano così davanti a noi, assorte e pensose, ciascuna nella propria disciplina. Qualcuna ci guarda dritto negli occhi. Ma in realtà è Silvana a sfidarci nel ricordare i volti della nostra storia fatti di olio, pastelli e pigmenti materici. L’esercizio che ci impone è di profonda umiltà: quante conoscono Hilda Doolittle, Judith Butler o Cristina Campo, per citare solo alcuni dei volti di sapienza meno noti?
Non è una commemorazione, come ci tiene a dire l’artista. E’infatti, una epifania pura: possono guardarci negli occhi, e noi possiamo fissarle. Sono eterne fanciulle con cui stabilire un contatto, Grandi Maestre pronte a formare ancora Grandi Maestre.

Rossana Di Poce

Silvana Leonardi
MAESTRE
Movimento aperto, via Duomo 290 C, Napoli
dal 7 al 31 marzo
lunedì e martedì ore 17-19, venerdì ore 10.30- 12.30 e su appuntamento
(tel. 3332229274)

Identità Insorgenti

Identità Insorgenti è un giornale on line che rappresenta un collettivo di scrittori, giornalisti, professionisti, artisti uniti dalla volontà di una contronarrazione del Mezzogiorno.

Articoli correlati

Cultura | 14 Dicembre 2018

GIOCHI INNOVATIVI

Inaugurata la Escape room culturale “San Lorenzo Escape”

Cultura | 14 Dicembre 2018

CALENDARIO DELL’AVVENTO

14 dicembre – L’oste, un diavolo sotto mentite spoglie

Cultura | 13 Dicembre 2018

CALENDARIO DELL’AVVENTO

13 dicembre – Il pastore della meraviglia che vede la luce (e che in alcune zone del Sud era legato ai riti di Santa Lucia)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi