sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

LA MUNNEZZA DI TRIESTE

Video del sindaco Di Piazza: città sommersa dai rifiuti. Indovinate a chi la paragona?

Sputtanapoli | 7 Dicembre 2016

trieste

Trieste ferita, cantava Sergio Endrigo.

Ed effettivamente a guardare le immagini di questi giorni, delle strade di Trieste, c’è da piangere, per sporcizia e scarsa igiene e cumuli di spazzatura non raccolta sparsa ovunque.

Cosa succede? Lo spiega sulla sua pagina fb il sindaco Roberto Di Piazza:

“Non è accettabile che spendiamo decine di milioni di euro all’anno con l’AcegasAps per la pulizia della città e ci troviamo il Viale XX Settembre (e non solo) in queste condizioni. E’ vergognoso.

“E’ da tre giorni che ricevo telefonate per la sporcizia che c’è; è da tre giorni che segnalo la cosa ed oggi sono andato sul posto a vedere personalmente. Ho chiesto un dettagliato resoconto di tutto ai vertici della società. In questi anni #Trieste è stata lasciata molto all’abbandono e sto cercando di riuscire a vedere ogni situazione direttamente, anche grazie alle vostre segnalazioni e commenti che ricevo sui social. Continuate e chiamate pure il mio ufficio e quelli del Comune di Trieste per segnalarci questi disservizi; poi ci penso io a farmi sentire” scrive lui.

Peccato che la denuncia sia corredata da un video nel quale il sindaco, senza rendersi conto dell’insulto e del vergognoso paragone pregiudiziale, se ne esca con l’infelice frase: qui non è Napoli.

E infatti a giudicare dalla sporcizia e dall’indecenza di Trieste, ha proprio ragione Di Piazza: una città piena di munnezza, che sicuramente non è la nostra bellissima Partenope.

“È davvero un peccato che una bellissima città come Trieste sia guidata da un Sindaco che cede ai luoghi comuni più banali e beceri su Napoli. Sono certo che i cittadini triestini sono molto più seri di un’Amministrazione che, a quanto pare, non è in grado neanche di gestire il problema della spazzatura in una città che è grande quanto un quartiere di Napoli”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris a seguito delle dichiarazioni del sindaco di Trieste Roberto Dipiazza che, avendo verificato un problema nella rimozione di alcuni rifiuti nella sua città, aveva commentato in un video su Facebook: “noi non siamo a Napoli, siamo a Trieste”. “Dal 2011, da quando c’è questa Amministrazione, le immagini dei rifiuti a Napoli sono solo un pallido ricordo. Napoli è la città italiana che cresce di più in termini culturali e turistici, e capisco bene che ad alcune realtà politiche e territoriali del Nord questa cosa possa dare grande fastidio. Ma noi siamo un popolo accogliente per natura, per cui voglio solo rivolgere un invito caloroso a tutti i cittadini triestini di venire a visitare la nostra bellissima città. Nonostante tutti i suoi problemi, che nessuno mai ha negato, tornerete a casa carichi di una bellezza e di una meraviglia che non ha eguali al mondo”, conclude De Magistris.

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 7 Dicembre 2016 e modificato l'ultima volta il 8 Dicembre 2016

Articoli correlati

Italia | 26 Maggio 2020

PREGIUDIZI OSCENI

Su Libero, in risposta a un lettore: “Sud peso morto”

Attualità | 22 Aprile 2020

IENE E SCIACALLI

“Ragazzi in odor di camorra”: caro Golia, ma come ti permetti?

Attualità | 22 Aprile 2020

UNA RISPOSTA A GOLIA

Un volontario: “Rabbia e bugie. Alle signore nel servizio delle Iene abbiamo consegnato pacchi con lo Sgarrupato”