lunedì 21 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

La nuova vita di Procida, prima isola italiana Covid free

Attualità | 3 Maggio 2021

E’ un’isola speciale, come sa bene chi la ama.
Procida, la più piccola dell’arcipelago campano, non è solo la Capitale della Cultura 2022.

E’ l’isola dove sembra di fare un passo indietro nel tempo, l’isola dei pescatori, l’isola dell’Arturo morantiano e del Postino troisiano o delle indimenticate sperimentazioni di Antonio Neiwiller.

In questi mesi è tornata a catturare l’attenzione internazionale per la sua nomina a prima della classe per l’anno che verrà.

Ma oggi ha un motivo in più per far parlare di se. Da ieri Procida è la prima isola covid free d’Italia, grazie anche a una campagna di vaccinazioni per tutti gli abitanti fortemente voluta dal governatore campano, Vincenzo De Luca. Che ha capito – come del resto accade in tutta Europa – che dalle isole è possibile compiere il primo passo per far ripartire il turismo.

E così si procederà entro sabato prossimo anche Capri e la più grande di tutte, che conta sette comuni, Ischia. Poi l’intenzione del governatore è quella di procedere per le altre località turistiche della costiera.

La campagna vaccinale di Procida

E soddisfatto il sindaco di Procida, Dino Ambrosino, al termine della campagna durata una settimana: “Il gioco di squadra che ci ha consentito di vivere questa straordinaria settimana, mi impone di ringraziare innanzitutto il Presidente della Regione Vincenzo De Luca. Ha impresso un’accelerazione eccezionale alla richiesta che le isole minori avevano presentato al Commissario Figliuolo. La gestione politica spesso impone di prendere posizioni risolute, e lui ancora una volta ha dimostrato di portare fino in fondo gli impegni che assume”.

 

Quasi tutti i procidani si sono vaccinati

E aggiunge “Con la mattinata di oggi (ieri, domenica 2 maggio, ndr) abbiamo superato le 6.000 prime dosi, su una popolazione presente e in età da vaccino di 7.000 persone. Procida prima piccola isola a raggiungere questo risultato ma anche primo comune di discrete dimensioni. La nostra esperienza può servire all’Italia intera per verificare i percorsi del virus in un territorio limitato, ma soggetto comunque alle continue influenze esterne.
Ringrazio Fabio Guardascione e la straordinaria squadra di professionisti USCA che si sono messi a disposizione del territorio insieme ai medici ed alle infermiere dell’isola. Grazie al Direttore D’Amore e alla dottoressa Rossetti con cui in poche ore abbiamo allestito il nostro economico hub vaccinale. Grazie ai vigili ed alla straordinaria Protezione Civile che ha risposto presente, anche con un così limitato preavviso. Che i colori di Procida possano portare speranza in quest’Italia così stanca di sacrifici e limitazioni”.

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 3 Maggio 2021 e modificato l'ultima volta il 3 Maggio 2021

Articoli correlati

Attualità | 30 Maggio 2021

Identità Insorgenti vi saluta. Ci vediamo a settembre su SulSud.it

Attualità | 14 Maggio 2021

De Luca: “Se non arrivano i vaccini sarà impossibile immunizzare la Campania entro l’estate”

Attualità | 7 Maggio 2021

De Luca: “Entro luglio la città di Napoli sarà immunizzata”