mercoledì 16 gennaio 2019
Logo Identità Insorgenti

LA POLEMICA

A Pordenone cartelli sui bidoni: lasciate pulito, non siamo a Napoli. E il web si ribella

Ambiente, Attualità | 8 Gennaio 2019

“Lasciare pulito, qui non siamo a Napoli”: questa la scritta comparsa su alcuni bidoni della spazzatura, raccontata in un post pubblicato da un emigrato napoletano a Pordenone, che sta facendo il giro del web, indignando non solo i napoletani.

Il caso è stato segnalato a Rorai Grande, quartiere residenziale di Pordenone. Alcuni residenti hanno affisso i cartelli sui cassonetti dell’immondizia, pieni di rifiuti nei giorni delle festività natalizie.

A conferma che c’è ancora qualche demente di settentrionale che menziona Napoli deliberatamente e in modo del tutto strumentale per giustificare la propria inciviltà e, soprattutto, la propria miseria umana.

Il video è di Fabio Pacetta, un emigrato partenopeo al quale rivolgiamo la nostra solidarietà e un affettuoso abbraccio per la gratuita mortificazione che ha dovuto subire che ha ripreso il tutto.

Ovviamente le sue immagini hanno innescato accuse di razzismo nei confronti dei pordenonesi. E il Comune ha provveduto immediatamente alla rimozione dei cartelli.

Ma in tanti, in rete, invocano  le scuse ufficiali della città friulana. Sullapagina fb del Comune però la vicenda non viene citata.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 8 Gennaio 2019 e modificato l'ultima volta il 8 Gennaio 2019

Articoli correlati

Abruzzo | 15 Gennaio 2019

IN ABRUZZO

Bombola di vernice e plastica nelle condotte idriche

Abruzzo | 8 Gennaio 2019

NEVE AL SUD

Sciare nel Mezzogiorno? E’ possibile: tutte le piste dall’Abruzzo alla Sicilia

Ambiente | 3 Gennaio 2019

DOPO LO SCEMPIO

5 milioni della città Metropolitana per ripiantumare gli alberi di Napoli

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi