fbpx
domenica 24 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

La prima poesia metropolitana in napoletano del 2021: Antonino Del Giudice

Poesie Metropolitane | 3 Gennaio 2021

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con la poesia di Antonino Del Giudice 

Antonino Del Giudice

Nato a Napoli nel 1983 si laurea in Economia Aziendale presso la Federico II e lavora come consulente informatico da 8 anni. Appassionato di viaggi nei Sud del mondo, riesce a girare on the road molti paesi dall’Asia al Centro e Sud America, con qualche parentesi in Africa, appassionandosi sempre di più a quella che è diventata negli anni la sua questione meridionale. L’amore per i viaggi e l’interesse per gli ultimi le matura grazie ai libri di Tiziano Terzani, da cui apprende quello che poi è diventato il suo mantra “Il viaggio non è la meta ma la strada che percorri per raggiungerla” che lo scrittore pronunciò per enfatizzare l’autenticità e l’importanza di viaggiare via terra. Napoletano purosangue apprende dal padre la passione per la città di Napoli e per la musica di Pino Daniele grazie al quale impara a conoscere tutti i segreti della sua amata città, in chiave blues. Inizia la sua collaborazione con Identità Insorgenti nel 2019 con l’obiettivo di riuscire a raccontare tutti i suoi Sud.

 

‘A Pandèmia

 

È ccomm’ a na bbrutta jurnata ca nun vo passà

Passano ‘e ghiuorne, passano ‘e mìse ma sta sèmpe llà

Tu ce piènze sèmpe.

Piènze sul’ ô maletiémpo, addìvènta n’ossessione, nu turmiènto

Allora vutte aret’ ‘a pucundria, te faje curaggio e scinne mmiez’ â via.

‘A strada però è ssulo nu spècchio d’acqua appantanata ca tu guarde, uocchie fisse e ccapa acalata:

“gente c’ ‘a paura, cielo niro, putéche ‘nzerrate, manco nu cazettino pe tte fa na resata”

Allora tuorne â casa scunsulato.

Nun saje cchiù ‘o munno tuojo addò sta,

si è chillo riflesso sotto ‘e piere o è cchill’autro a llà.

 

Antonino Del Giudice

 

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 3 Gennaio 2021 e modificato l'ultima volta il 3 Gennaio 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 24 Gennaio 2021

‘A Puisia Napulitana Metropolitana della domenica: “Essa” di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 17 Gennaio 2021

Le poesie in napoletano della domenica: Na fenestella ‘e felicità di Rita Del Noce

Poesie Metropolitane | 11 Gennaio 2021

Le poesie metropolitane in napoletano della domenica, ‘A falsità di Marco Cenere