martedì 10 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

LA PROPOSTA

Notre Napule ‘a Visionaire: “Nomi delle strade anche in napoletano”

Identità, Lingua Napoletana, NapoliCapitale | 3 Ottobre 2015

Pubblichiamo la lettera inviata alle autorità destinatarie indicate, in primis al Sig.Sindaco di Napoli e della Città Metropolitana di Napoli, dott.Luigi de Magistris, dal dott. Massimiliano Verde, Vice Presidente Alliance Européenne des Langues Règionales e Presidente dell’Associazione Notre Napule ‘a Visionaire, nel suo ruolo ed azione a favore della tutela, diffusione, promozione del patrimonio culturale, storico e linguistico Napoletani.

La proposta è finalizzata affinché il Comune di Napoli (ed in seguito la Città Metropolitana di Napoli) per iniziare possa, secondo le sue competenze e nei limiti di legge, per quanto riguarda la cartellonistica stradale comunale, appunto, apporre l’indicazione “Napule” accanto o comunque all’interno di quella prevista per l’indicazione “Napoli” (sull’esempio di numerose cittadine di Provenza, come nelle foto allegate).

Successivamente anche con l’ausilio, ove richiesto, della Federazione A.E.L.R. si propone la doppia dicitura di tutte le indicazioni viarie del Comune di Napoli anche non letteralmente, in napoletano, come ad esempio nella tradizione anche di esprimerne il nomen del luogo da parte della cittadinanza.

Il progetto è rivolto anche alla collaborazione di associazioni/enti, terzi napoletane e/o campane interessate, come il CONOI ad esempio.

Tale proposta ricade nella più ampia attività di Verde che lo vede impegnato da tempo in un progetto internazionale di sensibilizzazione didattico-culturale e sociale a favore dell’idioma napoletano, attraverso la realizzazione, con l’ausilio dei massimi esperti di Napoletano, come il Prof.Carlo Iandolo ed il Poeta Nazario Bruno ( di cui  Verde si occuperà di rieditare la preziosa opera “Nfierno, Priatorio, Paraviso. Nove canti della Divina Commedia in napoletano” ) di un metodo d’apprendimento base del Napoletano, da indirizzare soprattutto a favore delle nuove generazioni campane, dei territori più disagiati.

Tale progetto didattico in Napoli e Provincia ha ricevuto ultimo il sostegno morale della Città Metropolitana di Napoli.

Auspichiamo quindi,anche sull’onda dell’intitolazione di una targa a Pino Daniele, in un felice esito di tale proposta in quanto crediamo che il recupero della nostra storia non possa che prevedere un cammino che concerna il recupero dei nomi dei nostri luoghi, nella nostra “parlata” Napulitana e che sia connesso inderogabilmente ai tesori culturali e sociali espressi nei secoli da Parthenope.

FOTO SAINT REMI
Saint-Rémy-de-Provence indicazione stradale in francese e secondo la comune tradizione cittadina e lingua provenzale.
FOTONIZZA
Nizza, doppia toponomastica. Da notare la dicitura “Contea di Nizza”
11742638_478640142305124_1443592645412798227_n (1)
Massimiliano Verde intervistato all’Institut Français di Napoli.
Lettera proposta sulla doppia toponomastica per il Sindaco di Napoli
Lettera proposta sulla doppia toponomastica per il Sindaco di Napoli
12007182_673575906075505_1548685996_n (3)
Logo dell’Associazione Notre Napule’a Visionarie
Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 3 Ottobre 2015 e modificato l'ultima volta il 3 Ottobre 2015

Articoli correlati

Identità | 6 Dicembre 2019

LA CURIOSITA’

Il testamento dell’Innocente: la lapide dietro l’Ospedale della Pace

Arte | 5 Dicembre 2019

VICO TOTO’

Il catalogo di artisti e opere dedicate al Principe della risata ai Quartieri Spagnoli

Identità | 5 Dicembre 2019

IL DETTO

Cumme Catarenea accussì Natalea

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi