lunedì 16 settembre 2019
Logo Identità Insorgenti

LA PROPOSTA

Salvini e Di Maio revochino la concessione sulla tangenziale di Napoli: anche per l’Europa quel pedaggio è illegittimo

Infrastrutture e trasporti, Politica | 21 Agosto 2018

A Napoli dal 2001 i napoletani pagano ad Autostrade S.p.A di Benetton pedaggi non dovuti per la Tangenziale.

Costruita nel 1968 era stata data in concessione per 33 anni. I Benetton, forti dell’appoggio politico della Lega Nord nel neonato Governo Berlusconi, dal 2001 hanno continuato ad incassare pur non avendone diritto.

Dal 2001 al 2008 hanno incassato in modo del tutto abusivo, nel 2008-09 è stata formulata una nuova convenzione fino al 2037 che affida ancora la gestione ai Benetton. Loro in cambio avrebbero promesso di allungare la tangenziale fino alla Acerra-Pomigliano e di completare i collegamenti nella zona ospedaliera.
Ma di questa ulteriore convezione si sa poco o nulla con buona pace della trasparenza.

Atlantia e quindi Benetton incassano circa 72 milioni l’anno con l’A56 meglio nota come Tangenziale di Napoli.

Facendo un banale calcolo, negli ultimi 17 anni, ai napoletani è stato sottratto più di un miliardo di euro: al Comune finisce solo l’1%, il resto finisce a Treviso sede di Benetton e a Roma sede di Atlantia.

Nel merito si è espresso anche il Parlamento Europeo che nel febbraio del 2017 ha dichiarato, per l’ennesima volta, illegittimo il pedaggio sulla Tangenziale di Napoli.

L’ultima volta che Autostrade SpA ha fatto evidenti lavori di manutenzione e prevenzione della sicurezza sui guard-rail è stato in seguito ai 40 morti della tragedia di Monteforte Irpino di 5 anni fa.

Tre anni fa scrivevo: “In questi due anni Autostrade per l’italia S.p.A. a Pozzuoli e dintorni ha sostituito buona parte dei guard-rail nei tratti più “sensibili” (averlo fatto sul tratto in curva della A56 proprio vicino Toiano, luogo di orgine di molte vittime, sa di beffa), perché quando la coscienza è sporca si corre ai ripari. Meglio cautelarsi, qualcuno avrebbe potuto “indagare”. Vergognosi”.

Salvini e Di Maio cominciassero a ritirare le concessioni dai casi più facili: la Tangenziale di Napoli aspetta a vuje…

Raffaele Formato
Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 21 Agosto 2018 e modificato l'ultima volta il 11 Settembre 2018

Articoli correlati

Attualità | 31 Luglio 2019

LA DISCUSSIONE

Metro, Tangenziale e porto: incontro al MIT tra Toninelli e de Magistris

Infrastrutture e trasporti | 29 Luglio 2019

NAPOLI EST

Bando di gara per progettare una linea di autobus veloci

Infrastrutture e trasporti | 26 Giugno 2019

VIABILITA’

Seconda uscita Materdei, ecco il progetto per collegarsi con le Fontanelle

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi