fbpx
martedì 7 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

LA PROTESTA

Striscioni contro Musumeci: “Dimettiti”. Samonà primo assessore della Lega

Sicilia | 18 Maggio 2020

Alcuni siciliani chiedono la testa del governatore Nello Musumeci dopo la scelta di affidare alla Lega l’assessorato all’Identità e alla Cultura siciliani. Palermo si è svegliata ieri tappezzata di striscioni con un messaggio duro: “No beni culturali alla Lega Nord – Musumeci dimettiti!”.

“Una scelta che ha letteralmente mandato su tutte le furie migliaia di siciliani e siciliane” si legge in una nota degli organizzatori della protesta, che si sono dati appuntamento al 2 giugno per una protesta di piazza. Negli ultimi giorni, infatti, si è formato su Facebook il gruppo “No Beni Culturali alla Lega Nord – Musumeci Dimettiti!”, che conta ormai circa 30.000 iscritti. Si leggono commenti di ogni tipo e alcuni vanno ben oltre la critica politica. “Il Presidente della Regione si è schierato ufficialmente contro i siciliani. Non gli permetteremo di terminare il mandato come se niente fosse” oppure “è una vergogna far entrare nel parlamento siciliano la Lega Nord a occupare un posto che fu del grande professore Tusa”.

Di fatto è finito ieri il toto-nomi che spaziava dal segretario della Lega in Sicilia Stefano Candiani al giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco. Alla fine, a essere nominato Assessore ai Beni Culturali, dopo la scompardsa del compianto Sebastiano Tusa, è Alberto Samonà, già responsabile cultura della Lega in Sicilia, giornalista, scrittore, direttore de Il Sicilia.it.

Nato a Palermo nel 1972, Alberto Samonà è corrispondente dalla Sicilia per Libero. Negli anni Ottanta è stato dirigente palermitano del Fronte della Gioventù (MSI); risale al 2018 invece la sua candidatura alle “parlamentarie” del Movimento 5 Stelle per il Senato, superando le elezioni online, per poi essere tagliato fuori dalla lista. L’esclusione del M5S ha condotto Samonà verso la Lega: nel 2018 infatti il neoassessore è stato nominato responsabile del Dipartimento Cultura della Lega per la Sicilia Occidentale.

Ma Samonà è saggista, studioso di filosofie orientali, conoscitore della storia dell’Isola, smembro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Piccolo di Calanovella, oltre a provenire da una famiglia di importanti architetti, urbanisti e artisti italiani (suo zio è il pittore Pupino Samonà). Ma che sia in grado di raccogliere l’eredità di una personalità come Sebastiano Tusa, siciliano, intellettuale di altissimo valore, che tanto ha fatto e avrebbe ancora potuto fare per il nostro patrimonio culturale, ne dubitano in tanti.

“Questa scelta mi rende veramente orgoglioso perché sono legato da sempre alla mia terra, e se sono rimasto in Sicilia è perché credo in questa isola e, nonostante avessi avuto delle opportunità di andare via, sono rimasto con convinzione e con il cuore c’è ancora molto lavoro da fare, ed io sono pronto a fare la mia parte e dare in maniera convinta il mio contributo”, ha dichiarato Samonà. “Le critiche di queste ore rivolte alla Lega le prendo come uno stimolo e come un suggerimento e consiglio per ascoltare anche chi la pensa diversamente da me. Anche coloro che abbiano un pregiudizio a monte nei nostri confronti. Ma ribadisco farò di tutto per ascoltare tutte le voci del mondo della cultura che troppo spesso anche la politica in maniera sorda non ha recepito”.

Intanto i siciliani si organizzano per una mega protesta di piazza… vedremo cosa accadrà nelle prossime settimane. Resta il fatto che questa nomina è la prima in un posto di rilievo politico al Sud regalata al Carroccio. Un segnale comunque pessimo…

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 18 Maggio 2020 e modificato l'ultima volta il 18 Maggio 2020

Articoli correlati

Politica | 26 Giugno 2020

SICILY

Catania non si Lega e scende in piazza contro Salvini

Beni Culturali | 10 Giugno 2020

CONTRO SGARBI

La Sicilia si ribella al trasferimento del Caravaggio (che vorrebbe il solito noto)

Attualità | 14 Maggio 2020

CONTROSENSO

Questa Lega è una vergogna: al Carroccio l’assessorato all’identità in Sicilia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi