fbpx
mercoledì 15 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

LA RIFLESSIONE

Scendendo a Marechiaro il mondo si ferma. E sei dentro Napoli

Attualità | 25 Maggio 2020

Il mondo è terribile, personalmente lo soffro, ma cerco di non subirlo.

Le nostre teste sono affollate da troppi pensieri superflui, il più delle volte. Credo esista in ognuno di noi una zona d’ombra più o meno spessa, più o meno resistente, che abbia bisogno urgente e sincero di combattere quel mondo.

Standoci dentro e mai del tutto fuori. Se sapeste quanto siamo fortunati ad esser nati in questa città, circondati da luoghi unici al mondo per bellezza e storia, questo processo catartico e necessario al benessere mentale di ognuno, risulterebbe quasi automatico per tutti.

Diventeremmo persone migliori, poco a poco, lasciando fluire, come barche alla deriva, ogni sentimento negativo, ogni sensazione sbagliata, rendendo così noi stessi, Napoli, e la società lì fuori, dei posti degni in cui vivere, invece di sopravvivere.

Marechiaro è uno di quei posti speciali che Parthenope ci ha donato. È rimasto un certo luogo magico e misterioso, anche un po’ oscuro, per certi versi, dove le vicende del mondo non camminano. È discesa fisica e ascesa spirituale. Scinne a Marechiaro e il mondo si ferma ma ci sei comunque dentro.

Luogo dove il sole sfrutta in un giorno quello che altrove tarda un mese e più a fiorire. Qui fiorisce tutto, niente muore. A Marechiaro la vita pulsa e consuma il giorno, fino a quanno poi sponta la Luna. E quanno sponta la Luna a Marechiaro, pure li pisce ‘nce fanno a ll’ammore, no?

A Marechiaro si “priàto”, che potrebbe tradursi con “felice”, certo, ma il sentimento d’a prièzza non è sentimento di contentezza vacua che si usa scambiare per felicità. È benessere che non si compra, che non si chiede, che niente ha a che fare con le miserie dell’apparenza che questa società ci impone.

‘A prièzza è ‘a Cuntentezza, è ‘a Felicità. E vene da ‘o core.

Se revòtano ll’onne d’o mare, passa ll’acqua pe’ sotto e murmuléa. Scetate Carulì, ll’aria è doce.

Ylenia Petrillo

Un articolo di Ylenia Petrillo pubblicato il 25 Maggio 2020 e modificato l'ultima volta il 25 Maggio 2020

Articoli correlati

Attualità | 15 Luglio 2020

L’ABBANDONO

Istat, declino demografico al Sud tra migrazione e calo di natalità

Attualità | 12 Luglio 2020

CAMPI FLEGREI

Fumarole artificiali di Pozzuoli: origine e scopo del progetto finanziato dalla Campania

Attualità | 11 Luglio 2020

LO SCEMPIO

Demolito un villaggio del ‘700 a Giugliano, al suo posto sorgeranno villette di lusso

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi