domenica 15 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

La rubrica della domenica di Poesie metropolitane, l’associazione che da spazio alla poesia

Poesie Metropolitane | 1 Dicembre 2019

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con le poesie di Assunta Sperino e Antonio Farina

 

Assunta Sperino, nasce a Napoli il 22 novembre del ’76, inizia a scrivere da ragazzina senza mai smettere. Diplomata all’istituto magistrale, si iscrive alla facoltà di Sociologia. Solo nel 2018 decide di pubblicare i suoi testi con la C. Editrice Pagine, facendo parte di varie silloge. Fa parte della nova “Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei” dell’ Aletti Editore. Vince una targa al merito al Premio Alda Merini nel 2018 e nel 2019 al concorso internazionale Festa dei Popoli. Collabora con l’Associazione Poesie Metropolitane.

 

Assunta Sperino

 

 

‘E man’ ‘e papà

Comm’erano grosse
‘e man’ ‘e papà,
sempe sporche ‘e fraveca
ca nun ‘e vulevo tuccá.
Comm’erano belle
‘e man’ ‘e papà,
quando me pigliave ‘mbraccio
pe me fa’ vulá…
E quando pe chiagnere
se metteva ‘nfaccia
quanta forza
sapeva truvá.
Comm’erano toste
‘e man’ ‘e papà,
quando pe forza
je vulevo abbuscá.
Comm’erano doce
‘e man’ ‘e papà,
quando po’ je chiagnevo
e me veneva ‘a carezzá…
E mo ca ‘sti mane
assumiglino ‘e toje,
je comme me scordo
chelli mane, papà.

Assunta Sperino

 

Antonio Farina nasce a Napoli il 20/05/1966.

Imprenditore Settore Servizi Informatici, fiero e orgoglioso dell’essere Napoletano, scrive, da poco meno di tre anni, poesie solo in lingua Napoletana.

Ha partecipato ad alcuni concorsi Nazionali di Aletti editore, con la soddisfazione di essere l’unico poeta ad essere inserito nelle raccolte nazionali con poesie in vernacolo.

 

Antonio Farina

 

Appartenenza

‘E te nun mme sazzio maje.

Tu staje ‘e casa dinto addu me.

Comm’ ‘è vvero ca ‘e stelle stanno ‘ncielo.

Comm’ ‘a ll’onne stann’ ‘o mare.

Comm’ ‘a luna cu ‘e nnammurate.

Comm’ ‘o Vesuvio sta ‘a Napule.

Tu tt’arruobbe ogne penziero d’ ‘o mì.

Te ‘nfile int’ ‘a ogne ssurriso.

Staje sempe mmiezo, int’ ‘a tutte e suspire.

Si ‘a raggione ‘e tutte e pecche.

Si tutte chello che vvale d’aspettà.

Comme s’aspetta ‘a nùttata pe vvedè ‘a luna chiena.

AF Tutti i diritti riservati Antonio Farina

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 1 Dicembre 2019 e modificato l'ultima volta il 1 Dicembre 2019

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 15 Dicembre 2019

Le Poesie in napoletano dell’associazione Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 8 Dicembre 2019

La rubrica di Poesie Metropolitane: poesie inedite per il Sociale

Poesie Metropolitane | 24 Novembre 2019

La rubrica di “Poesie Metropolitane”: l’ammore nei versi di Anna Casizzone e Elio Messina

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi