lunedì 16 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

La rubrica dell’associazione Poesie Metropolitane: le poesie della domenica su Totò e su Ferragosto

Campania | 17 Novembre 2019

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con le poesie di  Francesco Scaramuzzino e Dino Ramondino

 

Francesco Scaramuzzino nato a Napoli nel 1976 dice di se:”Iniziai a scrivere poesie perché nulla è più vero di ciò che si scrive col cuore. Una dedica speciale a mio padre, se i figli sono lo specchio dei genitori, grazie per essere stato il mio specchio”.

Toto’ ‘o principe e ‘o puveriello

Si nato puveriello
Cu na faccia bruttarella
Na maschera napulitana
Vittima ‘e l’ipocrisia italiana
Tiene ragione quanno dicive
Nun si nisciuno quanno si vivo
E film tuoie nun ‘e guardavano
E nun sapevano ca se perdevano
Sulo quanno è arrivata ‘a morte
Hanno capito ca ‘e film tuoie
Nun meritavano chella ciorta
E oggi ‘e sapimmo tutti quanti
A Napule si stato l’attore cchiù bello e nun sulo chello
Si chillo ‘e malafemmena, si chillo ra livella
Si chillo ca m’ha ‘mparato ca se po’ nascere principe o puveriello
Ma nun basta essere sulo ricco o bello
‘O vero valore parte d’ ‘o core e no d’ ‘a muneta
Tanto alla fine turnammo povere miez’ ‘e prete…

Francesco Scaramuzzino

Dino Ramondino nasce a Napoli, come tanti. Inizia a scrivere da adolescente, come tanti. Non ha mai pubblicato niente, come tanti. Non è stato mai inserito in alcuna antologia, come tanti.Costretto a lavorare per campare, come tanti, scrive per vivere, come pochi.

O Quinnece Austo

Mo accumminciate n’ata

vota cu’ st’augurie senza

coda

senza capa, e manc”a panza:

ma addò è asciuta chest’ausanza?

Cu ‘stu tiempo ‘e sfaccetto

aggio fatto un’arte dint”o lietto

e vvuie già ‘e primma matina

cu ‘stu “din-din” ‘e telefonino

Io nun me chiammo Assunta

e nun so nato ‘e chisti tiempe

nun aggio pigliato ‘o bancolotto

e nun aggio sparato manco ‘e botte

Pecché m’ausate chest’attenzione?

Voi che dite: “è educazione”…

Pe’ mme nun tenite niente a fa’ e ve vulite fa’ considera’!

E ce sta chi s’offende pure

ca nun lle ritorno chist’augurie:

“ma che t’aggio fatto quacche ccosa”?

No! Ma nun me pare ‘o caso ca risponno a ‘sti s…cemate

ma allora nun ll’hê capito

ca ‘sti ccose nun ‘e supporto?

E si t’offiende nun me ‘mporta

nun me cunusce,

nun sai che penso e ssi me cunusce capisce ‘o senso,

‘nu solo augurio io faccio all’amico e vale pe’ ssempe: bbona vita!

Dino Ramondino

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 17 Novembre 2019 e modificato l'ultima volta il 17 Novembre 2019

Articoli correlati

Campania | 26 Giugno 2019

FOOTBALL AMERICANO

I Briganti Napoli sono i campioni del Sud: è Nine Bowl!

Campania | 18 Giugno 2019

FOOTBALL AMERICANO

I Briganti Napoli respingono l’arrembaggio e battono i Pirates Savona: è finale!

Campania | 11 Giugno 2019

FOOTBALL AMERICANO

Briganti Napoli, terzo trionfo con i Grifoni Perugia: si va in semifinale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi