domenica 15 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

La rubrica di “Poesie Metropolitane”: l’ammore nei versi di Anna Casizzone e Elio Messina

Poesie Metropolitane | 24 Novembre 2019

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con le poesie di Anna Casizzone e Elio Messina


 

Anna Casizzone

Anna Casizzone,  nasce e vive a Napoli.

Tra le sue passioni oltre alla scrittura di versi poetici, ci sono il canto, il teatro ed i viaggi.

E’ tra le poetesse della raccolta Carnale gocce poetiche di eros edita da Marotta & Cafiero.

E’ impegnata in attività di volontariato, colleziona miniature, adora il mare ed i bambini.

 

Riman ccu mè

Sti mane, chist’uocchie, chesta vocca,

o’ ssent o calore e quann me tuocc.

Nun tengo  pensier, me scordo d’aier.

So chiena d’ammore nun sent dulore.

Riman ccu mè ancora stanotte,

stu core ca m’piett chiù forte mè sbatte.

O mare accumpagna sta danza carnale.

Io insieme ccu tè o cchiù bell finale.

Anna Casizzone

 


Elio Messina

Elio Messina nasce a Napoli il 26 novembre del 1966,è dalle scuole elementari che mostra grande interesse per le materie artistiche. Prosegue gli studi diplomandosi in elettronica industriale presso l’ Itis Augusto Righi di Napoli senza mai rinunciare al suo interesse per l’arte a cui dedica maggiore spazio. Titolare di una nota azienda nel settore elettrico ed elettronico affianca alla passione per la pittura, la fotografia ed il piacere per la scrittura.

Nennella

“Ogne matina quanno me scète
avot’ ‘o sguard’ ‘e vvec’ ‘a tte.
Comme si bbella nennella mia!
Nu vase te vulesse dà.
Dint’ ‘a ‘sta curnice ‘e legna bbianca.
Te tengo appesa lla’,
c’ ‘ a vesticciola longa e co’ retille mmocca mme faje arricria’.
Comm’ ‘è tenera st’ immagine
nu’ dulore pe’ mamma’.
‘A dduje anne appena appena
e’ cunusciuto ‘a verità.
Te guard’ a’ dint’ ‘o scuro e accummenci’ ‘a tte parla’.
‘O ssaje quanto me fà bbene,
mme pare ‘e tte senti’ :
Si fforte e ccuraggioso, nun te metter’ ‘a ppaura
‘a vita è tosta cu’ chi t’ ‘a vuo’ piglia”.
Rire, rire nennella mia ca è bbell’ ‘a tte guarda’,
me tiene cumpagnia pure si vac’ ‘a ffatica’.
Si’ ssore e me vuo’ bbene
e ssolo tu me puo’ capi’.
Comm’ ‘a n’angiulillo m’ arraccumann’ a tte, vulesso truva’ pace e nu poco e felicità.
Ma quanno viecch’ ‘e stanco nun’ me firo cchiù ‘e campa’,
tte cerco sora bella vieneme a ppiglia’.

Elio Messina

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 24 Novembre 2019 e modificato l'ultima volta il 24 Novembre 2019

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 15 Dicembre 2019

Le Poesie in napoletano dell’associazione Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 8 Dicembre 2019

La rubrica di Poesie Metropolitane: poesie inedite per il Sociale

Poesie Metropolitane | 1 Dicembre 2019

La rubrica della domenica di Poesie metropolitane, l’associazione che da spazio alla poesia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi