martedì 21 gennaio 2020
Logo Identità Insorgenti

La rubrica di Poesie Metropolitane: poesie inedite per il Sociale

Poesie Metropolitane | 8 Dicembre 2019

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

 

Buona lettura con le poesie di Rita Del Noce e Pasquale Foresta

 

Rita Del Noce nata a Napoli è poeta anche in lingua napoletana, saggista,narratrice.
Due premi UNESCO. Cronista,articolista, rubricista; ha ideato e condotto pagine d’ informazione per bambini con riconoscimenti UNICEF. Molti suoi componimenti e racconti sono in antologie e tradotti in inglese. Insignita “Poeta di pace”riceve attestati anche a carattere internazionale. Ultima la targa
del quotidiano “La Nazione”.
Rientrata nella sua città pubblica “Sogno Napoletano”, un viaggio assieme allo spirito- guida, lo scrittore Domenico Rea. Sensibile al tema della migrazione già nel 2009 per suoi versi “Profughi” riceve il Premio
“Città di Fucecchio”; nel 2018 pubblica la silloge “Il tuo sguardo orizzonte”; ricevendo il
Premio “Autori per la Europa”; nel 2019, il Premio Miradois a Napoli.

 

Rita Del Noce

MISCE ET FIAT POTUM (antica formula delle ricette mediche)

‘O saje ‘e cch’ è fatta ‘a vita

‘e nu pizzeco d’ ammore

nu poco ‘e pecundria

tanta fantasia

surrisi, gocce ‘e lacreme

fett’ ‘e tristezza

alleria a vulunta’

spruzzi ‘e felicità.

E mo’ che ‘a ricetta tiene

cu tutti ll’ ingredienti

cerca de cumbina’

Arricuardate

tu sulo ‘e può dosa’

e all’ occorrenza

nun esagera’.

 

Rita del Noce

 

Pasquale Foresta

 

Pasquale Foresta Nasce e vive a Castellammare di Stabia (NA). Da sempre impegnato in attività di
solidarietà, ama scrivere e recita in compagnie amatoriali.
http://autori.poetipoesia.com/minisiti-pasquale-foresta/poesie/

Pasquale Foresta

QUANN’ E’ ‘A SERA

Quann’ e’  ‘a sera
‘O mare fa suspire ‘e sentimiente
E pare che te canta ‘na canzona
Che va purtann’ ‘o core a sta cuntento
E lento po’ te saglie n’emoziona

Sara’ chell’aria ‘e mare, o sara’ ‘o viento
Saranno ‘e luci ‘ntrise dint’all’acqua
Te piglia nu friccico ‘mpiett, ‘o ssiente
Comm’ ‘o sereno doppo ‘a pioggia stracqua

La’ ‘ncoppo s’appiccene ‘e stelletelle
Ca pare ‘a luce ‘e ‘na tendina ‘e festa
Nun sai quale cchiu’ brilla chesta o chella
E nun riman’ oscura ‘na fenesta

E mmiez’ a chistu juoco ‘e luminarie
‘A luna accumpare cu ‘a vesta bianca
Comm’ ‘a riggina ‘e ll’ attrice primarie
Cu nu chiarore ch’ogne notte affranca

E ‘a meraviglia d’ ‘a natura intera

Va stutanno ogne gioia, ogne dulore
E tu t’ adduorme e nun te pare overo
E senti’ sul’ ‘o rummore d’ ‘o core

 

Pasquale Foresta

 

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 8 Dicembre 2019 e modificato l'ultima volta il 8 Dicembre 2019

Articoli correlati

Campania | 19 Gennaio 2020

Le poesie in napoletano dell’associazione culturale poesie metropolitane

Poesie Metropolitane | 12 Gennaio 2020

Poesie Metropolitane, la rubrica dedicata alle poesie in napoletano

Poesie Metropolitane | 5 Gennaio 2020

Primo appuntamento 2020 con le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi