domenica 15 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

LA RUBRICA

Le poesie in napoletano dell’associazione Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 10 Novembre 2019

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con le poesie di Marianna Ciano e Pasquale Foresta

Marianna Ciano nasce a Napoli da Gaetano e Anna. Inizia a scrivere da adolescente e vince vari concorsi con l’Associazione Poesie Metropolitane. Appassionata ambientalista da anni si batte contro il Biocidio in Campania. Ama leggere, viaggiare, il trekking e la danza orientale.

Luglio 2017 per non dimenticare

O` Vesuvio
” Se ne so’ ghiuto nfumm’ ‘e resate ‘e voce de criature.
‘A mano e Gennaro `ncopp’ ‘a coscia mia e vase suoje.
E suppliche de vecchie ncopp’ ‘o Salvatore
ll`aucielle nnammurate miez’ ‘e fronne.
Chiustu fuoco s’ ‘è purtato tutto cose.
Ma a luntano stasera, dopp` ‘otto  juorne Io te veco.
Muntagna mia, chin’ ‘e pacchere mezz’ ‘accisa.
Perduonace, pecché tu si o cor’ ‘e  Napule “.
Marianna Ciano

Pasquale Foresta nasce e vive a Castellammare di Stabia (NA). Da sempre impegnato in attività di
solidarietà, ama scrivere e recita in compagnie amatoriali.
http://autori.poetipoesia.com/minisiti-pasquale-foresta/poesie/

Ve Vulesse Cuntà Napule

Ie che v’aggia dì,
ve vulesse cunta’ Napule…
e comm se fa?!
Ce vuless ‘na jurnata,
‘na jurnata o forze n’anno,
Pe’ ve spiegà overamente
Cu accortezza e senza inganno
tutto ll’oro e ‘a ricchezza,
cu l’incanto e ‘a meraviglia,
‘nzomma…tutta ‘sta bellezza,
e ‘a magia e ‘sta città.
Ce vulesse n’oratore
n’eminente prufussore,.
ca parlasse senza sosta
d’ ‘a matina fin’ ‘a sera
pe’ spiega’ tutto ll’addore
chella luce d’ ‘e culure
ca se specchia ‘ncielo e ‘a mare
Ca pazzea cu chillu sole
C’ ‘a matina comm’ ‘a niente
piglia e sorge mmiez’ ‘a gente.
Ce vulesse nu pittore
ca pittasse ‘a fantasia
ca sapesse pittà ammore
l’arte che se fa p’ ‘a via,
‘a musica, ‘a melodia
Chillu canto d’ ‘a poesia
Ca da sempre e’ nato cca.
Ce vulesse nu scrittore
Ca creasse nu romanzo
che te porta chianu chianu
a passià ‘nzieme ‘e reali,
santi e nobili d’ ‘a storia
e po’ rivoluzionari
ca se so vestut’ ‘e gloria,
fino po a tuccà cu ‘e mmane
chillu fuoco d’ ‘a passione
E tutt ‘e napulitane.
Io ca nun song n’artista
e nun saccio dà na forma
a ‘stu scrigno e sentimenti,
e ‘sta terra ‘e paraviso
ca ha subbito patimenti
e che tanti l’hanno acciso
nun so bravo ‘a raccuntà
chistu dono d’ ‘o Signore.
Pozzo sul’ ‘arapì ‘a porta
a ‘sta voce ‘e chistu core
chiara e libbera ‘e parlà,
pe’ ve dì che ogni vota,
ca ogni vota m’annamoro
si me fermo alla guardà.
Pasquale Foresta

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 10 Novembre 2019 e modificato l'ultima volta il 10 Novembre 2019

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 15 Dicembre 2019

Le Poesie in napoletano dell’associazione Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 8 Dicembre 2019

La rubrica di Poesie Metropolitane: poesie inedite per il Sociale

Poesie Metropolitane | 1 Dicembre 2019

La rubrica della domenica di Poesie metropolitane, l’associazione che da spazio alla poesia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi