venerdì 14 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

La Sicilia si ritira, anzi no (in ballo 3 milioni di euro che andrebbero perduti)

EXPUH! | 7 Maggio 2015

EXPUH2015

Come non detto. Ieri era circolata la voce che la Regione siciliana volesse sospendere la sua partecipazione a Expo, rinunciando al ruolo di coordinatore degli undici Paesi impegnati nell’area dedicata a quelli che affacciano sul Mediterraneo. Il  dirigente siciliano del cluster, Dario Cartabellotta, ieri aveva fatto intendere questo: “I problemi segnalati a partire dal giorno dell’inaugurazione non consentono la regolare realizzazione del palinsesto“, aggiungendo che intendeva sospendere le attività. Sul tavolo la perdita certa di tre milioni di euro investiti, non si sa con quale logica nè criterio, dalla Regione Sicilia. Invece, ai nastri di partenza, il disastro: nel padiglione dove è stato collocato lo stand siciliano – in questi giorni si sono viste immagini ai limiti del ridicolo – l’acqua rischia di bagnare le attrezzature, dagli impianti di amplificazione ai banchi per lo show-cooking. Manca la segnaletica esterna. Manca la connessione internet.

Tuttavia l’assessore all’Agricoltura, il siciliano Nino Caleca, aveva risposto parlando di un provvedimento “non concordato né con il presidente della Regione, né con me e neppure con il coordinatore del comitato di controllo“. E dunque in pratica smentendo il ritiro, tanto da costringere Cartabellotta a ritrattare:  “I problemi sono in corso di soluzione e non è assolutamente vero che la Sicilia è pronta a lasciare Expo” ha detto il dirigente, nel ruolo di cornuto e mazziato.

Escluso dunque che la vicenda finisca sui tavoli dei tribunali, come aveva paventato qualcuno, con i lombardi pronti a chiedere i 3 milioni all’Isola e con la Regione siciliana che avrebbe potuto a sua volta chiedere i danni causati da un flop che è sotto gli occhi del mondo.

Crocetta, dal canto suo, nicchia. Ma certo se è questo l’inizio, è anche l’inizio ideale di “Exputass Nfaccia”, questa rubrica dove vi racconteremo magagne, ruberie, disservizi e porcherie della fiera delle multinazionali dell’alimentazione.

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 7 Maggio 2015 e modificato l'ultima volta il 7 Maggio 2015

Articoli correlati

EXPUH! | 6 Luglio 2016

Expo, 11 arresti per appalti truccati. Coinvolta la Dominus Scarl, società con sede legale a Milano

Agroalimentare | 21 Agosto 2015

E no caro Cannavacciuolo: l’Expo “goloso come un babà” è un’offesa al babà

EXPUH! | 13 Luglio 2015

Il Pd usa i padiglioni di Expo per l’assemblea nazionale. E candida Sala a sindaco di Milano