lunedì 10 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

LA STORIA

Nino chiude le serrande della sua trattoria ai Tribunali: “Grazie mille Stato Italiano”

Attualità | 27 Ottobre 2020

E così chiude. Chiude in attesa di tempi migliori, in attesa di un’altra opportunità, aspettando che la nottata passi. Avevamo intervistato Nino Di Costanzo pochi giorni fa, con la nostra Valentina Castellano, per lanciare l’allarme sui ristoratori sempre più alla frutta. Ma il Dpcm che chiude i ristoranti alle 18 doveva ancora arrivare. E così sono passate poche ore da quel live che Nino ha deciso di chiudere la sua trattoria, in piazza dei Girolamini.

Un luogo speciale, un localino piccolo e curatissimo, con le opere di molti artisti nostrani come Pasquale Manzo. Un locale che a Nino, con i suoi due soci Alessandro Cerrone e Valerio Begonja, è costato fatica e debiti, per fare tutto in modo corretto. Ecco, Nino è uno di quei ristoratori che a Napoli ha voluto assumere i suoi dipendenti, pagare loro regolari contributi, cercare di fare tutto secondo norma. Ora la conclusione amara: la chiusura.

Ieri infatti ha pubblicato un video dove racconta questo suo ultimo giorno. Un video amaro e amareggiato. Simbolico, perché rappresenta una categoria intera… che dovrebbe far riflettere chi ci governa

 

Fuori alla trattoria ha poi affisso un cartello, quello che vedete in alto: “Dopo 4 anni di attività ci avete costretto a chiudere perché non siete in grado di gestire la situazione. Avete fatto un dpcm che non ha senso e ad oggi non sappiamo che aiuti arriveranno. La trattoria Gerolomini rimarrà chiusa fino a data da destinarsi. Aspettando tempi migliori. Grazie Mille Stato italiano”.

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 27 Ottobre 2020 e modificato l'ultima volta il 27 Ottobre 2020

Articoli correlati

Attualità | 7 Maggio 2021

De Luca: “Entro luglio la città di Napoli sarà immunizzata”

Attualità | 5 Maggio 2021

Ischia, vaccini a pieno ritmo. Entro fine maggio sarà Covid free. E Figliuolo cede alla linea di De Luca

Attualità | 3 Maggio 2021

La nuova vita di Procida, prima isola italiana Covid free