lunedì 14 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

LA TRAGEDIA DELLA TANGENZIALE

Non parlateci di Napoli: è un dramma dell’ignoranza

Attualità, NapoliCapitale | 26 Luglio 2015

incidente napoli

Fatto: Tangenziale di Napoli (altezza Agnano). Ore 4.35. Un’automobile, una Renault Clio nera, procede contromano per 5 km in direzione Vomero, fino a schiantarsi frontalmente contro una Fiat Panda grigia. Il povero conducente della Fiat Panda, un uomo di quarantotto anni di Torre del Greco, faceva quello che era abituato a fare ogni giorno, si stava recando a lavoro. Stanotte, però, è morto sul colpo. Alla guida della Renault, un ragazzo di ventinove anni, ferito ma vivo, risultato positivo all’alcol test. Al suo fianco sul posto passeggeri, una ragazza di ventidue anni, morta poco dopo all’ospedale Cardarelli.

La ricostruzione dei fatti è resa semplicissima dalle telecamere di monitoraggio. Dai video si vede chiaramente la Renault Clio (che procedeva secondo il normale senso di marcia) accostarsi sulla destra per poi sterzare a sinistra, invertendo il senso di marcia. In quel momento ha inizio la corsa folle e spericolata. Il veicolo sbanda e quasi sfiora le auto a cui va incontro.

A chilometri di distanza, un uomo di Torre del Greco procede moderatamente, magari pensando ad un’altra giornata di lavoro appena cominciata, alla sua squadra del cuore, a cosa mangerà a pranzo. Giusto il tempo di voltare la curva. Finito tutto. Ci potevo essere io, ci poteva essere chiunque. Appena un’ora prima la mia fidanzata era passata proprio di lì, ci poteva essere lei.

Si, lo so. So cosa succederà ora. Tireranno fuori i titoli di giornale preconfezionati: “Napoletano uccide in tangenziale, beh… era napoletano!”, “Far West Napoletano”, “A Napoli si va abitualmente contromano”. Poi tireranno in ballo il principio di emulazione. L’emulazione da videogames. Certo, è normale, se giochi a GTA è naturale andare contromano in autostrada! Specie se sei napoletano. Chi non l’ha fatto! Io ieri ho giocato a tetris, subito dopo sono andato al parcheggio Brin e ho fatto parcheggiare le macchine, ma ad incastro.

C’è pure chi preferisce non parlarne. “Vabbè, era ubriaco”, “Beh, ma succede dappertutto”. “Beh, è una tragedia”. E questo pure è molto triste.

Io mi chiedo una cosa: è possibile che in questa città tutto quello che succede deve essere, nel bene e nel male, rapportato alla città? E’ possibile che la radice del male venga sempre trovata in altre cose, che spesso non c’entrano niente? Quello che è successo ieri non è accaduto perché ci troviamo a Napoli, non è successo perché i videogames sono violenti, non è successo perché le discoteche sono dei luoghi di perdizione, E’ SUCCESSO per l’IGNORANZA, perché un ragazzo che cambia il senso di marcia sull’autostrada, che ricerca lo sballo momentaneo, che si ubriaca e si mette in macchina, che uccide due persone per il suo delirio di onnipotenza, oltre ad essere ignorante, è anche un gran coglione, non meno e né di più di tanti altri coglioni che affliggono il pianeta.

Ma di questo se ne deve parlare! Assolutamente! Non bisogna nascondere la testolina sotto la sabbia. I giovani soprattutto devono informarsi, devono capire, devono prendere coscienza che il male di tutto è l’ignoranza alla radice, non quello che viene prima, e né quello che viene dopo. L’ignoranza che ti fa essere prepotente, che ti fa essere camorrista, che ti fa essere razzista, che ti fa inneggiare alle ruspe contro i campi rom, che non ti fa più avere la percezione degli altri, ma solo di te stesso, tanto da andare contromano e ubriaco in autostrada. Non mettetevi al volante se siete ubriachi, rispettate voi stessi e rispettate gli altri. Sforzatevi, almeno, di non essere ignoranti.

Stanotte, alle 4.35, una ragazza di ventidue anni e un uomo di quarantotto anni sono morti. Ci potevo essere io, ci poteva essere chiunque. La cosa mi ha realmente turbato, e per ora non mi resta che sperare che la magistratura faccia il suo corso e che dia a quell’ignorante ciò che merita.

Ciro Fiengo

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 26 Luglio 2015 e modificato l'ultima volta il 26 Luglio 2015

Articoli correlati

Attualità | 30 Maggio 2021

Identità Insorgenti vi saluta. Ci vediamo a settembre su SulSud.it

Attualità | 14 Maggio 2021

De Luca: “Se non arrivano i vaccini sarà impossibile immunizzare la Campania entro l’estate”

Attualità | 7 Maggio 2021

De Luca: “Entro luglio la città di Napoli sarà immunizzata”