domenica 15 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

LA VERTENZA

Almaviva: la lotta dei 147 che rischiano il posto per il mancato rispetto della clausola sociale

Lavoro, Precariato | 25 Novembre 2019

Chiedono che si rispetti la clausola sociale, che ne avrebbe salvaguardato il posto dopo il passaggio di consegne di una commessa Inps da Almaviva alla società Comdata. Ma non è successo e  147 lavoratori, invece, rischiano di perdere il posto di lavoro. Da venerdì scorso hanno occupato lo stabilimento fermando le attività.

Stamattina, invece, hanno dato vita a una protesta sotto il Consiglio regionale, in Centro direzionale.

Proteste a seguito delle quali la società ha diffuso una nota dove spiega che: “a seguito della perdita della commessa Inps e della sua aggiudicazione al raggruppamento d’imprese formato da Comdata e Network Contacts in virtù di un’offerta con ribasso superiore all’80% su base d’asta – specifica l’azienda – AlmavivA Contact è l’unica Società tra quelle uscenti a non aver aperto alcuna procedura di licenziamento verso i lavoratori interessati. Il cambio di appalto del call center Inps  rientra nel campo di applicazione della c.d. clausola sociale prevista dalla legge 11 del 2016, con conseguente diritto alla conservazione del posto di lavoro del personale addetto alla commessa, attraverso l’assunzione presso il nuovo appaltatore. Anche in occasione dell’incontro convocato dal Ministero del Lavoro il prossimo 27 novembre, AlmavivA Contact ribadirà alle imprese subentranti, Comdata e Network Contacts, la ferma richiesta di piena e corretta applicazione della norma sulle clausole sociali – è la conclusione di Almaviva – richiesta già avanzata in tutte le sedi competenti e finora negata, nel rispetto delle disposizioni di legge, a salvaguardia non di un’azienda ma del diritto dei lavoratori”.

Comdata, la nuova società, invece, ritiene che a dover essere assunti sono i lavoratori che hanno maturato una continuità sulla commessa Inps (in precedenza gestita da Almaviva) di almeno sei mesi, dal 2 febbraio al 2 agosto 2019. Ragione per cui 147 lavoratori si ritrovano a non avere questa continuità per aver lavorato su altre commesse nel periodo preso in considerazione e rischiano, dunque, di non lavorare più. Posizione che  Comdata ha continuato a sostenere durante l’infruttuoso incontro alla Regione:  coloro senza i 6 mesi continuativi ed esclusivi sulla commessa non hanno diritto al passaggio. Almaviva, dal canto suo, sostiene esattamente l’opposto.

Nonostante l’intervento dell’istituzione regionale, quindi, tutto è stato rimandato a un incontro che si terrà il 27 novembre al Mise, alla presenza di tutti gli soggetti coinvolti, compreso INPS.

 

A seguire i nostri live e la gallery dal Centro Direzionale.

 

 

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 25 Novembre 2019 e modificato l'ultima volta il 25 Novembre 2019
#Almaviva  

Articoli correlati

Battaglie | 28 Novembre 2019

IL LIETO FINE

Salvi i 147 esuberi di Almaviva nel cambio appalto Inps

Lavoro | 27 Novembre 2019

LAVORO

Plastic tax, rischio chiusura per gli stabilimenti Coca Cola in Campania e Abruzzo

Battaglie | 25 Novembre 2019

LA LOTTA

Sesto giorno di presidio per i lavori Apu sotto la Regione Campania: la Palmeri non si fa vedere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi