fbpx
lunedì 23 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

L’ACCORDO

Passi avanti per l’Officina delle Culture e l’idea del Condominio Sociale

Attualità | 23 Maggio 2020

Ci siamo ritrovati“. Maria De Marco, presidente di Asia, racconta con questa espressione gli sviluppi dell’incontro tra l’Azienda che rappresenta, esponenti dell’amministrazione e delegati dell’Officina delle Culture.

Venerdì 22 maggio, come avevamo anticipato, a palazzo San Giacomo, su richiesta del Coordinamento Territoriale Scampia, è avvenuto un importante incontro sulle sorti dell’immobile di via Ghisleri e, dunque, sul futuro delle associazioni che lo occupano.

Era importante sgombrare il campo da ogni pregiudizio“, ci spiega la De Marco al telefono, “e riconoscersi nel comune desiderio di dare seguito alle attività associative di quel territorio“.

“ASIA ha fatto la sua parte”

Nelle difficoltà legate al rinnovo del contratto per l’immobile di via Ghisleri, l’ASIA ha un ruolo centrale. Il cespite appartiene al suo patrimonio sociale e il comune di Napoli deve necessariamente riottenerlo, prima di concederlo in affitto. Inoltre, vincolati dallo statuto aziendale, ASIA non può nemmeno affittare, vendere o concedere i beni in suo possesso.

Maria De Marco ha garantito sulla risoluzione delle procedure preliminari per la permuta dell’immobile: “Sono stati completati i passaggi che Asia avrebbe dovuto mettere in campo“, afferma la presidente. Inoltre, aggiunge, “continueremo,  come abbiamo sempre fatto, a non ostacolare in nessun modo la procedura di permuta dell’immobile. Non abbiamo mai rivendicato nulla su quel bene e non lo faremo, di certo, adesso“.

I passaggi formali da mettere in atto

Constatata, dunque, la piena disponibilità di ASIA a concedere in permuta l’immobile di via Ghisleri, la gestione dei tempi e dei passaggi amministrativi passa nelle mani degli uffici comunali.

In rappresentanza dell’amministrazione, all’incontro di venerdì erano presenti l’assessore all’ambiente Raffaele Del Giudice, l’assessore alla cultura Eleonora de Majo e il consigliere capogruppo DemA Rosario Andreozzi.

Il nodo fondamentale è legato alla necessita di formalizzare la permuta nelle sedi ufficiali. Per questa ragione, bisognerà attendere il mese di luglio quando, cioè, il Consiglio Comunale sarà riunito per approvare il Bilancio e, in particolare, varare il Documento Unico Programmatico.

Fino a quel momento, il consigliere e gli assessori presenti, anche su richiesta di Ciro Corona, si sono impegnati a trovare una soluzione transitoria.

In effetti, in questa fase, il problema resta l’impossibilità di accedere ai fondi pubblici e privati da parte dell’Officina delle Culture, con la prevedibile conseguenza di una riduzione delle attività proposte.

Una soluzione transitoria potrebbe, in teoria, consentire alle associazioni di tenere in vita le loro attività, fino alla realizzazione di una soluzione definitiva.

Per questa prima fase, comunica Ciro Corona, fondatore e presidente dell’associazione (R)ESISTENZA, bisognerà ci sarà un nuovo incontro il 6 giugno 2020.

L’obiettivo è realizzare un “Condominio Sociale”

Scampia presenta un tessuto sociale assai variegato. La rete di associazioni è la vera ricchezza di quel territorio.

Il territorio ha retto grazie alle associazioni” – racconta De Marco, la quale oltre a presiedere il Cda di Asia, è ben inserita in quel contesto e lo conosce da molti anni. “Le associazioni sono l’unico motivo per cui la camorra non ha vinto. Tutti, silenziosamente, sono al lavoro, anche solo per piccole, ma importanti, attività di promozione della cultura e della legalità“.

Da qui nasce l’idea dell’amministrazione di indicare uno spazio che possa accogliere tutte quelle realtà che, a Scampia, hanno da sempre offerto un contributo significativo. Dunque, la realizzazione di un “Condominio Sociale” nell’immobile di via Ghisleri, rappresenta una valida opportunità. Tuttavia, come ci fa sapere Ciro Corona, “non potrà essere attuata, anche a causa dei ritardi legati all’emergenza Covid-19, prima del mese di novembre

Rocco Pezzullo

Un articolo di Rocco Pezzullo pubblicato il 23 Maggio 2020 e modificato l'ultima volta il 23 Maggio 2020

Articoli correlati

Attualità | 21 Novembre 2020

LA TESTIMONIANZA

Federico, indagato per gli scontri di Napoli: “Manifestavo pacificamente e mi hanno messo alla gogna”

Nun te scurdà | 21 Novembre 2020

Gelsomina Verde, torturata e uccisa dalla camorra il 21 novembre 2004. Aveva ventidue anni

Periferie | 21 Novembre 2020

ABBANDONO E DEGRADO

Cupa Perillo a Scampia: video denuncia dell’VIII Municipalità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi