fbpx
martedì 26 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

L’ADDIO

I ricordi del Napoli di ieri e di oggi

News, Sport | 25 Novembre 2020

I commenti del Napoli di ieri e di oggi sulla scomparsa di Diego Armando Maradona

Lorenzo Insigne:

“Dal primo giorno in cui sei arrivato nella nostra amata Napoli, sei diventato un Napoletano doc.
Hai dato tutto per la tua gente, hai difeso questa terra, l’hai amata.
Ci hai regalato la gioia, i sorrisi, i trofei, l’amore.
Sono cresciuto sentendo i racconti della mia famiglia sulle tue gesta, vedendo e rivedendo le tue infinite partite. Sei stato il più grande giocatore della storia, sei stato il Nostro Diego.
Ho avuto la fortuna di incontrarti, parlarti, conoscerti e non ti nego che mi tremavano le gambe.
Per me hai sempre avuto belle parole, parole di conforto che non potrò mai dimenticare e che custodirò per sempre dentro di me.
Da tifoso, da Napoletano, da Calciatore: Grazie di tutto D10S.
Ti ameremo per sempre. 💙”

Ezequiel “el pocho” Lavezzi:

“Dejaste ver al mundo lo feliz que se puede ser con una pelota. Gracias por todo Diego. #RIP 💔”

Antonio Careca:

“Senza parole, Signore. Il nostro Amico, Fratello Diego è partito per il tuo Regno, accoglilo a braccia aperte, era e sarà sempre speciale per tutti noi”.

Corrado Ferlaino:

“Maradona è stato tanto per Napoli e per il Napoli. Io sono napoletano e come tutti i napoletani piangiamo e basta. Maradona, ha dato tanto a Napoli ed anche a me. Lui è stato male parecchie volte ma ha sempre superato le crisi. Questa volta no, c’è solo da piangere”

Giuseppe Bruscolotti:

“Una notizia pesante, incredibile. Mi dispiace tanto, per me era come un fratello, abbiamo avuto un rapporto incredibile, Napoli perde un figlio. Mi aspetto un lutto cittadino, anzi il lutto dovrebbe essere di tutto il mondo”.

Gianfranco Zola:

“A Diego devo tutto, mi ha dato tantissimo e da lui ho imparato tantissimo. Era un uomo buono, generoso. Per me è stato un amico vero. E’ un giorno tristissimo”

Fabio Cannavaro:

«Buon viaggio Diego, rip”

Moreno Ferrario:

“Diego l’ho conosciuto bene e posso dire senza paura di essere smentito da nessuno, di aver conosciuto una persona sul piano umano di una correttezza incredibile. Un genio sul campo, ma una persona umile ed un compagno che riusciva a darti la forza e ad aiutare tutti anche nei momenti di difficoltà”.

Alessandro Renica:

“Dopo la morte di mio padre il dolore più grande un pezzo di anima e di vita che se ne và. RIP in pace grande uomo.”

Aurelio De Laurentiis:

“C’è un dispiacere enorme, immenso nell’aver perso un uomo come Maradona che sarà per sempre nella storia. Un’idea potrebbe essere quella di chiamare il nostro stadio San Paolo-Diego Armando Maradona, la prenderemo in considerazione”

Dries Mertens:

“Quando 7 anni fa mi hanno proposto di firmare per il Napoli , il mio pensiero é subito andato alle magie che ti ho visto fare in maglia azzurra…se negli ultimi anni il mio nome é stato messo vicino al tuo mi scuso, perche non potrò mai essere alla tua altezza, quello che hai fatto per la « nostra » citta’ resterà per sempre nella storia. Da domani indossare la maglia azzurra sara’ una responsabilita maggiore. Ciao idolo é stato un orgoglio conoscerti”

 

Un articolo di Aniello Napolano pubblicato il 25 Novembre 2020 e modificato l'ultima volta il 25 Novembre 2020

Articoli correlati

Battaglie | 28 Novembre 2020

IO VI ACCUSO

Diego l’avevate già ucciso voi, ma non è mai morto

Agroalimentare | 27 Novembre 2020

RACCONTA FOOD

L’Antica pizzeria da Michele, una storia lunga 150 anni che parla anche di Diego

Identità | 27 Novembre 2020

SACRO E PROFANO

Maradona, l’eroe che unisce ogni generazione