domenica 23 febbraio 2020
Logo Identità Insorgenti

L’APPELLO

Forcella, i cittadini chiedono la potatura degli alberi: “I rami entrano nelle case, nessuno viene da 2 anni”

Attualità | 28 Gennaio 2020

Da oltre due anni nella piazza di Forcella non si potano gli alberi. Tanti si riempiono la bocca di iniziative belle-bellissime su Forcella eppure questo disagio, banalissimo, che richiederebbe un intervento di mezza giornata, denunciato dai commercianti della zona da tempo immemore, non si risolve. Quel pochissimo verde che anima le stradine e le piazzette del quartiere nemmeno viene curato. E i commercianti e i cittadini dunque fanno appello, attraverso le pagine di Identità Insorgenti, sia all’assessore al Verde, Luigi Felaco, che alla Municipalità. Nonostante la mega aiuola con tre alberi sia infatti “adottata” dalla storica salumeria-macelleria che affaccia nella piazza, non è infatti possibile intervenire se non alla presenza di un agronomo. Ma la situazione in termini di igiene è grave davanti alla salumeria-macelleria di Gennaro Lubrano, che si incarica di pulire ogni settimana lo spiazzo antistante al suo locale. E il presidente dell’associazione commercianti di Forcella, Antonio Raio, da settimane si barcamena nella burocrazia. Ma dal comune pare che rimandino alla municipalità e dalla municipalità al Comune. Risultato: da oltre due anni la situazione è questa, con i rami degli alberi che entrano nelle case… e, d’estate, non solo quelli.

Chiediamo dunque a chi di dovere, che sia il Comune o la Municipalità, di intervenire con urgenza. Forcella chiede attenzione! E la merita.

Lucilla Parlato

 

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 28 Gennaio 2020 e modificato l'ultima volta il 28 Gennaio 2020

Articoli correlati

Attualità | 15 Febbraio 2020

IL PIANO

Sud: 123 miliardi in dieci anni per il rilancio del meridione

Attualità | 11 Febbraio 2020

NAPOLI EST

Furto di gasolio alla Fondazione famiglia di Maria: bimbi senza riscaldamento

Attualità | 8 Febbraio 2020

LA DELIBERA

Ztl Napoli: dal 30 marzo i bus turistici pagano l’accesso alla città

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi