sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

Le 15 croci di Confesercenti in piazza del Plebiscito: manifestazione il 7 aprile

Attualità | 6 Aprile 2021

Il mondo delle imprese rappresentato da Confesercenti Campania scende in piazza per urlare la propria disperazione, rimettendo idealmente nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella le proprie licenze commerciali.

15 croci al plebiscito per 15 categorie alla disperazione

Mercoledì 7 aprile, alle 10.30, in piazza del Plebiscito, dinanzi alla prefettura, si terrà una manifestazione generale per invocare risposte e aiuti per 15 categorie d’impresa. In piazza ci saranno ’15 croci’ simbolo della disperazione di ciascun settore commerciale. Ormai alla resa a causa della pandemia e del sostegno scarso, inadeguato e intempestivo dei vari governi.

 

Dal turismo alla moda al wedding, dai parrucchieri alle guide e agli agenti di viaggio

“Saremo tutti in piazza – annuncia Vincenzo Schiavo, presidente di Confesercenti Campania -, dal mondo del turismo a quello della moda e abbigliamento, dal wedding alla ristorazione, dagli albergatori ai b&b al trasporto privato, dai parrucchieri e dal mondo dell’estetica ai lavoratori dello spettacolo, dagli agenti di commercio, di viaggio alle guide/accompagnatori ai mercatali, dalle società di eventi e dai negozi di arredamenti a tutte le partite iva”.

Ci saranno anche i presidenti di categoria

“Insieme tutti i presidenti di categoria – conclude Schiavo – una grande mobilitazione per chiedere risposte serie al governo. Molti di noi non sanno come riaprire, quando sarà: sono sommersi dai debiti e dalla disperazione”.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 6 Aprile 2021 e modificato l'ultima volta il 6 Aprile 2021

Articoli correlati

Attualità | 16 Aprile 2021

De Luca: seguire una linea di rigore e attenzione sociale

Attualità | 16 Aprile 2021

Fondazione Ravello, Francesco Maria Perrotta è il nuovo presidente

Attualità | 16 Aprile 2021

Cinquecento sindaci del Sud al governo: Recovery Fund, il 40 per cento dei fondi non basta