fbpx
martedì 19 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

LE PAGELLE INSORGENTI

Tra prestazione e identità, Henrique migliore in campo

NapoliCapitale, Sport | 27 Marzo 2014

Pagelle insorgenti

Da oggi ospitiamo le “Pagelle” del Napoli. Le facciamo a modo nostro, Insorgenti, con due “maestri” diversi ma ugualmente attaccati alla Squadra: Francesco Romano per le prestazioni tecniche, Floriana Tortora per l’attaccamento alla maglia e dunque all’identità del Napoli (e forse anche di Napoli). Buona Lettura.

Reina: Non una serata da “tour de force” per Pepe. Si arrabbia in occasione del secondo gol del Catania, perchè i suoi hanno mollato troppo presto. 6 (Romano)

Sempre un numero 1, in tutti i sensi. Unico vero leader della squadra, mi fa impazzire quando calcia con veemenza il pallone nella sua porta, una rabbia che sa di attaccamento alla maglia e di voglia di vincere. Mi piace assai. 7 (Tortora)

Henrique: Il voto è soprattutto per l’eurogol che zittisce sapientoni e detrattori. La sua è una prestazione pulita, un jolly per Benitez, prezioso e continuo. 8 (Romano)

E’ brasiliano, e stasera si è capito con un gol da cineteca cercato, non capitato. Uscirà al 59′ per Albiol. La maglia gialla gli dona,  gli ricorda forse il paese natio? 8 (Tortora)

Fernandez : Deciso, il migliore dei due centrali. Non una sbavatura per il centrale argentino. Ma ci ha abituato ormai a standard di qualità altissimi. Il centrale della Nazionale Argentina. 6,5 (Romano)

In crescita costante, ormai una garanzia, grazie anche alla fiducia costante dell’allenatore, e con avversari brevilinei e veloci non era assolutamente facile. Finalmente merita a pieno titolo sia di giocare nel Napoli che con Messi in Argentina. 6,5 (Tortora)

Britos: E’ inutile girarci intorno, è fuori dal coro. Non lo aiuta nemmeno il fatto di aver giocato poco e la condizione fisica precaria si vede. Ma i suoi disimpegni sono sempre da thrilling. Miguel Miguel. 5,5 (Romano)

Giocano troppo e non ce la fanno, giocano poco e non sono in forma…tutte storie: la qualità o c’è o (come per lui) non c’è. Che non fosse facile con i brevilinei avversari l’ho già detto, ma quando c’è lui in campo gli attaccanti, come sono sono,vanno a nozze …e noi in tachicardia,costante. 5 (Tortora)

Reveillere: Ordinato e preciso in fase di impostazione, attento in quella difensiva. Non mostra il fianco all’avversario, anche se in alcune fasi va in sofferenza. 6 (Romano)

Per me si salva solo grazie all’esperienza e al fatto che, quando non è serata, la palla- stavolta degli avversari- non entra. Poi a noi i francesi piacciono poco…ci ricordano troppo il piemonte!5,5 (Tortora)

Dzemaili: Adattato nel ruolo di play basso, non fatica solo perchè di fronte non ha avversari all’altezza. Gioca fuori ruolo, forse non è adatto a quello che Rafa Benitez chiede ai suoi centrocampisti. 6 (Romano)

Senza infamia e senza lode, resiste per tutta la gara stringendo i denti nel finale. Una buona punizione battuta su fallo guadagnato da Duvan, e pochissimo altro. Lo preferivo quando spaccava la palla con tiri di forza quasi sovrumana. 5,5 (Tortora)

Jorginho: Predestinato. Piede sopraffino, la gioca sempre, non la butta mai. Il primo goal è una sua intuizione, perchè innesca Hamsik al limite dell’area. Questo ragazzo ha qualità da vendere. 7 (Romano)

Dopo un paio di prestazioni non all’altezza, torna quello che aveva impressionato da subito. Una luce nel buio del centrocampo azzurro. E meno male. 7 (Tortora)

Callejon: Iradiddio. Non si ferma mai, preciso in copertura. Autentico barbaro quando si tratta di fiondarsi negli spazi. I suoi inserimenti sono fulminei, i tempi perfetti. L’11 gol in campionato è un premio per questo straordinario campione. Il Real fa bene a mordersi le mani. 7,5 (Romano)

Insostituibile, anche perché vale per due, corre per quattro e segna pure…con i suoi gol il Napoli non perde mai!Due assist e un gol…alla faccia dello scarto!Spagnolo …me gusti. 8 (Tortora)

Hamsik: in leggera crescita, ma nemmeno l’ombra del campione che conosciamo. Gioca tra le linee, aiuta il centrocampo ed ispira Callejon che poi servirà Duvan per la rete che sblocca l’incontro. L’aspettiamo al gol nella partita più sentita, quella di domenica. Appartenenza! 6 (Romano)

Oh Capitano, mio Capitano…vederti sorridere è un piacere, ma vederti segnare sarebbe un sogno. Tu vai oltre l’attaccamento alla maglia, Napoli ce l’hai dentro…e Napoli sa che stai tornando. 6,5 (Tortora)

Insigne: Fa buoni movimenti, ma è inconcludente. Il piede sembra caldo, il passo è quello giusto, ma manca quella cattiveria che serve ad un buon giocatore per diventare un campione. Il nennillo si farà. 5,5 (Romano)

Corre tanto, dà l’assist a Callejon per il secondo gol azzurro, sfiora il gol col tiro a giro, una novità assoluta. Pregevole un suo colpo di tacco sul finale. Curre  curre guaglio’ …direbbero i 99 Posse. Più identità, quella è la squadra tua! forza! 6 (Tortora)

Duvan: Doppietta, la prima in Serie A e quarto gol stagionale. I detrattori lo avevano già battezzato un “bidone”. Lui non lo è, bidone. Ma ha bisogno di giocare con continuità e di crescere con calma. Per questa sera merita l’applauso per aver fatto quel che si richiede ad un attaccante, i gol. 7,5 (Romano)

La fisicità c’è, corsa e piedi non troppo. Da lontano somiglia a Jackson Martinez, e, stasera, con due gol in soli 45′ ,lo è sembrato pure da vicino.Non esulta sul primo gol,non si sa se per rispetto al fratello catanese o per somigliare pure a Balotelli. Per i miei gusti sbaglia troppi passaggi facili, ma un buon voto glielo devo comunque. 7 (Tortora)

Albiol: Benitez non lo aveva schierato. Ed aveva avuto ragione, perchè lo spagnolo è evidentemente in debito di ossigeno. Il secondo gol del catania è sua responsabilità, perchè si perde l’uomo. Forza Raul, domenica ci servi al meglio. 5,5 (Romano)

Si perde l’uomo sul secondo gol del Catania ma la classe non è acqua. E’ umano pure lui del resto, ma tra infortuni e squalifiche dei colleghi di reparto, alla fine, tocca sempre a lui.Eterno…adelante, Raul! 6 (Tortora)

Radosevic: Buon impatto con la partita, aggressivo e rapido nel liberarsi del pallone. Il croato è un giovane interessante, ma ancora troppo acerbo. 6 (Romano)

La cazzimma c’è, e per ora questo basta. 6 (Tortora)

Higuain: Il grande escluso della serata. Benitez lo vuole al meglio per il big-match di domenica contro la Juventus. Quando si alza dalla panchina per il riscaldamento lo stadio di Catania lo applaude. Alcuni campioni sono patrimonio di tutti, così è per El Pipita. sv (Romano)

Sembra un bimbo cui arriva un giocattolo nuovo quando Benitez gli concede gli ultimi minuti della gara. In panca non ci sta, il suo posto è decisamente in campo. O a cena con me. Applausi ai tifosi avversari per gli applausi  al campione.La sufficienza è doverosa, ama Napoli ed è riamato,e si vede. 6 (Tortora)

Rafa Benitez: Le scelte sono tutte azzeccate. Da fiducia al ragazzo colombiano che lo ripaga con una doppietta, rilancia Dzemaili e Britos senza timore. Si arrabbia per il calo di concentrazione del Napoli nel secondo tempo. Le partite finiscono al 90′ e lui lo sa bene, perchè il Napoli sia una “big” d’Europa occorre ancora tanto. 6,5 (Romano)

Mai visto così incazzato, sarà per la possibile rottura del gemellaggio o, più probabilmente, per una prestazione che, nonostante i 4 gol, non è piaciuta a nessuno…Un Re Borbone e borbottone,stasera, su quella panchina. Quando la prestazione conta più del risultato.Bravo 7 (Tortora)

 

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 27 Marzo 2014 e modificato l'ultima volta il 27 Marzo 2014

Articoli correlati

NapoliCapitale | 3 Gennaio 2021

L’EDITORIALE

Una Capitale al collasso: il patrimonio storico di Napoli destinato alla rovina

NapoliCapitale | 2 Gennaio 2021

IL CROLLO

Cede l’arco borbonico del chiavicone di via Partenope

NapoliCapitale | 31 Dicembre 2020

BILANCI AMARI

Nel 2021 l’addio di de Magistris. Auguri Napoli, che l’anno nuovo ti porti qualcuno che ti ami