fbpx
giovedì 26 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

Le poesie in napoletano ai tempi del Covid-19 di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 5 Aprile 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con una poesia di Valeria Marchese

Mi chiamo Valeria Marchese ed ho 16 anni. Vivo a Napoli, una città che ne ha di storie da raccontare e di persone a cui dar voce. Attraverso la mia scrittura cerco di fare proprio questo, scrivere della realtà che mi circonda con un velo di femminismo.  Potete trovare i miei scritti sulla mia pagina Instagram paroleallinverso oppure sul mio blog paroleallinversobianco.wordpress.com.

 

Napule

Quanta nustalgia, quanno te veco pe ffotografia, da chistu paese luntano, ca nun me permette cchiù ‘e te vule’ bbene.

Te veco pe ttelevisione, Napule mia, quanto me rammarico d’ ‘o fatto ca nun stongo cchiù llà.

Tutt’ ‘e pparole ca te dico e cche tte diceno nun t’aiutano a ccagnà.

I’ ero priggiuniero ‘e te, ma ‘a quanno me ne songo juta, aggio perzo pure chellu poco ‘e libbertà che ttenevo.

Tu si libbertà, accussj te chiammo, è ll’unica parola che ccunosco pe tte chiamma.

E quant’è bbello penzà a tte senza dicere niente.

Pecchè tutto chello che ppozze dicere, ‘a ggente, nun ‘o capisce e ddiceno ca so’ ssulo parole vacante.

Ê vvote te vulusse cagnà, ma po, ppenzannece bbuono, te vulesse accussj eternamente.

Te vulesse privà d’ ‘e difiette e tte vulesse arricchì ‘e ccose bbelle.

Te vulesse cu ‘e tradizzione toje, ma senza disprezzà ‘a modernità.

Te vulesse giusta cu ttutte quanne.

Te vulesse cagnà, ma ‘o saccjo ca nnun ‘o pozzo fa’, pecchè accussj jesse contr’ â natura toja.

Valeria Marchese

 

 

 

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 5 Aprile 2020 e modificato l'ultima volta il 5 Aprile 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 22 Novembre 2020

Le Poesie metropolitane in napoletano della domenica: “Na vucella piccerella” di Renato Palumbo

Poesie Metropolitane | 15 Novembre 2020

Lo Spleen di Napoli di Carmine Orofino: la domenica con Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 8 Novembre 2020

Le poesie in napoletano della domenica. Sciummo, che ccurre a ffa? di Maddalena Cascone

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi