fbpx
domenica 17 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

Le poesie in napoletano della domenica a cura di Poesie Metropolitane

Senza categoria | 30 Agosto 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a un autore e a una sua poesia in vernacolo. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con la poesia di Assunta Sperino

Assunta Sperino, nasce a Napoli il 22 novembre del ’76, inizia a scrivere da ragazzina senza mai smettere. Diplomata all’istituto magistrale, si iscrive alla facoltà di Sociologia. Solo nel 2018 decide di pubblicare i suoi testi con la C. Editrice Pagine, facendo parte di varie silloge. Fa parte della nova “Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei” dell’ Aletti Editore. Vince una targa al merito al Premio Alda Merini nel 2018 e nel 2019 al concorso internazionale Festa dei Popoli. Collabora con l’Associazione Poesie Metropolitane.

 

Assunta Sperino

 

‘O strillo

 

Sciuoglieme ‘sti mmane

ca nun pozzo arrepusà,

fanno troppo male

nun nc’ ‘a faccio a suppurtà.

Sciuoglieme ‘e penziere

ca nun saccio cchiù penzà.

Se mbrogliano, se vatteno,

te vonno ancora ccà.

E comme è longa ‘a notte

pare ca s’è fermata!

Ma che vvuo’? Pecché me ‘mporta

si duorme o staje scetato?

Pecché me sento astretta

cu chesta libbertà?

Pecché ‘o spazio dint’ a ‘o lietto

pare na nfamità?

C’arraggia, che turmiento,

che voglia d’alluccà.

ma tanto nun me siente

e ‘o strillo resta ccà.

Resta a mm’abbrucià ‘mpietto,

a nun me fa durmì.

resta dint’ a ‘stu lietto

pe me fa cumpagnia.

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 30 Agosto 2020 e modificato l'ultima volta il 30 Agosto 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 17 Gennaio 2021

Le poesie in napoletano della domenica: Na fenestella ‘e felicità di Rita Del Noce

Poesie Metropolitane | 11 Gennaio 2021

Le poesie metropolitane in napoletano della domenica, ‘A falsità di Marco Cenere

Poesie Metropolitane | 3 Gennaio 2021

La prima poesia metropolitana in napoletano del 2021: Antonino Del Giudice