venerdì 14 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

Le poesie in napoletano della domenica: Na fenestella ‘e felicità di Rita Del Noce

Poesie Metropolitane | 17 Gennaio 2021

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con la poesia della poetessa metropolitana Rita Del Noce

Rita Del Noce

 

Rita Del Noce nata a Napoli è poeta anche in lingua napoletana, saggista,narratrice. Due premi UNESCO. Cronista,articolista, rubricista; ha ideato e condotto pagine d’ informazione per bambini con riconoscimenti UNICEF. Molti suoi componimenti e racconti sono in antologie e tradotti in inglese. Insignita di “Poeta di pace”riceve attestati anche a carattere internazionale. Ultima la targa del quotidiano “La Nazione”. Rientrata nella sua città pubblica “Sogno Napoletano”, un viaggio assieme allo spirito-guida, lo scrittore Domenico Rea. Sensibile al tema della migrazione già nel 2009 per suoi versi “Profughi” riceve il Premio “Città di Fucecchio”; nel 2018 pubblica la silloge “Il tuo sguardo, l’ orizzonte” ricevendo il Premio “Autori per la Europa 2018”; nel 2019, il Premio Miradois a Napoli.

 

NA FENESTELLA  ‘E FELICITA’

Ce sta na fenestella

ca mena ncoppo a nu pizzichillo  ‘e munno.

S’arape doce doce

ca crire ‘e ce truva’

nu poco ‘e terra arricchita ‘e vita

nu poco ‘e vita ca se va perdenno

e na fenestella ‘e felicità.

Cc’ annanzo ‘e silenzi parlano

l’ infinito me spazzia attuorno.

Cca genio ‘e ce trasi’ 

cc’ appaura ‘e nun turna’.

Mmo’ veco na nuvola ca

passea.

Permesso, mm’ ‘o date nu passaggio

vurria j’ nu poco cchiu’ annanzo.

Mm’ affonno ncopp’ a sta palla dd’aria

e comme corre

me puorte troppo luntano

pp’ vie furastiere

ca sso’ chine ‘e misteri

sento  l’ eterno

ca me scenne ‘ncuollo.

Stu silenzio troppo me parla.

Io parlo assieme a isso

ma ‘a voce mia

se va perdenno tutta quanta.

Famme turna’ areto

vogli’ j all’ ata parte

ddint’ a ch’ella particella ‘e vita

ca è passata ma è mia

‘a cunosco tutta quanta.

M’ avoto e cca sso’ sulo fantasmi

ca’ trascina’ me vonno

ddint’ a natu munno

ca nun ce sta cchiu’.

Ripuortame ‘annanz’ a sta fenesta.

Nu zompo e songo nata vota

ddint’ o munno dd’ o presente.

Cca mm’ accuntento

sso’ felice ‘e ch’ello ca ce sta.

Ce sta na fenestella

ca ss’arape doce doce

ncopp’ a nu pizzichillo ‘e munno

e ca’ crire ‘e ce truva’

nu poco ‘e terra arricchita ‘e vita

nu poco ‘e vita 

ca se va perdenno

e na fenestella ‘e felicità.

Rita del Noce

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 17 Gennaio 2021 e modificato l'ultima volta il 17 Gennaio 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 9 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: Pasquale Foresta ” ‘A bbucia e ‘a verità”

Poesie Metropolitane | 2 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica, ‘E Puete (I Poeti) di Antonio Farina

Poesie Metropolitane | 25 Aprile 2021

‘A Puisia napulitana della domenica: Sguarde d’Ammore di Elio Messina