giovedì 13 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

Le poesie in napoletano della domenica. Sciummo, che ccurre a ffa? di Maddalena Cascone

Senza categoria | 8 Novembre 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con la poesia di Maddalena Cascone 

Maddalena Cascone

Cascone Maddalena nasce e vive a Pompei. Ha pubblicato numerosi testi scolastici con Loffredo Editore. Ha partecipato a vari concorsi letterari e le sue poesie sono state selezionate per essere inserite in varie antologie. Nel 2018 è stata finalista al concorso “Poesia a Napoli” ed è presente con tre poesie in napoletano nell’antologia edita da Guida Editore.

 

Sciummo,  che ccurre a ffa?

di Maddalena Cascone

Scurreva bbello e fforte  dint’ ô lietto chino ‘e prete.

“ Curre,  cù, ma che ccurre  a  ffa, tanto, sempe llà vaje a ffernì ”

Me dicevano  ll’arbere ‘a luntano.

Vac’ ô mare, a ll’orizzonte, dint’ ê bbraccia ‘e papà.

M’arreposo, me cunzolo, me cunfonno  dint’ a ll’onne.

 

“Tu nun saje che tt’aspetta, llà  cchiù ‘nfunno arreto ô monte.”

Io me ‘nfizzo, m’annasconno, po’ rinasco.

Io me votto ‘a coppa a bbascio, me gonfio e  ppo’ m’abboffo,

tant’  ‘o mare è ggrande e ggruosso e  mm’aspetta primma  ‘e mò.

Ma che vveco llà adderèto?

 

Comm’è bbrutto chillu muro! Ma che dd’è, se po ssape’?

Chi m’ha fatto chesta cosa, chi m’ha tiso ‘stu tranello?

E’ ‘mpunente  e aveto  assaje, è dd’ ‘e cemento e ppure armato.

Nun capisco overamente,  nun ce  ’a faccio a llò scalà!

E  llà ‘nfronte io me schianto.

 

Che ddulore dinto  a ll’anema, sto’ murenno chianu chiano.

‘A  muntagna llà vicino  me vo’ pure cunzulà:

“Statte calmo, nun ce sta’ cchiù nient’ ‘a fa, so’  ‘ngegnere tutte quante,

tu si sciummo e tt’hê ‘a fermà, ‘a currente  hê ‘a  ggenerà,

accuntentate ca  guode”.

Ma io no, me ’ncapunivo, na fessura ll’aggia truvà,

Nu spiraglio, nu filo ’e  luce, nu pertuso  piccerillo.

Sbatto  sempe contro ô muro, torno  arreto  ma nun pozzo

torno a sbattere cchiù forte, pure ‘o sango sento ‘e scorrere.

E’ ffernuta ‘a vita mia.

 

Nun penzavo a cchesta cosa, nun putevo  ‘mmagginà.

Sulo ‘a pace io cercavo, dint’ ê bbraccia ‘e papà.

 

 

 

(Questa poesia si è classificata tra le prime dieci finaliste al concorso “Poesia a Napoli”- 2018)

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 8 Novembre 2020 e modificato l'ultima volta il 8 Novembre 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 9 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: Pasquale Foresta ” ‘A bbucia e ‘a verità”

Poesie Metropolitane | 2 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica, ‘E Puete (I Poeti) di Antonio Farina

Poesie Metropolitane | 25 Aprile 2021

‘A Puisia napulitana della domenica: Sguarde d’Ammore di Elio Messina