fbpx
sabato 28 marzo 2020
Logo Identità Insorgenti

Le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 15 Marzo 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con la poesia di Francesco Limite

Francesco Limite

L’ultra 65enne

‘E scenziate han’ sentenziato ca ‘o virus ‘un s’è ammusciato,
‘e contagi so’ aumentate.
‘O guverno s’hê adeguato e ‘o decalogo ha varato:
“lava ‘e mmane pe’ cchiù tiempo, niente cinema e triatre,
‘e musei stanno nzerrate, niente feste, né adunate,
a nu metro ‘a tutte ll’ate!”
E pe mme, ha sentenziato ca so’ viecchio e arrepezzato,
quindi a rischio conclamato.
E allora m’ha avvisato:
nunn ascì, statte nzerrato.
Ca si jesce, ca sta ‘o sole, a te fa’ na passijata,
si ogne amico ch’hê ncuntrato
l’hê abbracciato e ll’hê vasato,
nu tampone t’hê abbuscato,
forse te sì contagiato.
Neh! Ma a chi hâmma sta a sentì?
‘O pericolo è reale, nce sarà na pandemia?
O è na schizofrenia?
Ma però nun me levate ‘o piacere ‘e nu saluto,
‘e ncuntra chi voglio bene, ‘e campà pe mmiez’ â via….
Chesta è tutta ‘a vita mia.

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 15 Marzo 2020 e modificato l'ultima volta il 15 Marzo 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 22 Marzo 2020

Le poesie napoletano dell’Associazione Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 1 Marzo 2020

Le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 23 Febbraio 2020

Le poesie in napoletano dell’associazione Poesie Metropolitane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi