fbpx
mercoledì 27 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

Le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 29 Marzo 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con le poesie di Assunta Sperino

 

Assunta Sperino, nasce a Napoli il 22 novembre del ’76, inizia a scrivere da ragazzina senza mai smettere. Diplomata all’istituto magistrale, si iscrive alla facoltà di Sociologia. Solo nel 2018 decide di pubblicare i suoi testi con la C. Editrice Pagine, facendo parte di varie silloge. Fa parte della nova “Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei” dell’ Aletti Editore. Vince una targa al merito al Premio Alda Merini nel 2018 e nel 2019 al concorso internazionale Festa dei Popoli. Collabora con l’Associazione Poesie Metropolitane.

Assunta Sperino

 

A no’

 

A  no’ quant’ ire bella

quanno nun sapevo ch’aveva ‘a fa’,

quando currive rint’a cucina

perché ferma nun sapevo sta’

 

e l’ossa ca ‘a fatica

nu ponno suppurtà

tremmano , fanno male

e per forza te assettà.

 

Mannaggia a chistu tièmpo

ca nu se vo’ fermà,

ca pare e turnà arreto

solo pe te fa ngannà.

 

Vurria sapé a che pienze

annanz’ ô fuculare

quando l’uocchie se perdono

e te tremano ‘e mane.

 

che vedono chist’uocchie

ca nu sanno parlà,

ca pare ca so’ mute,

ma je e sento e murmulià .

 

Raccontano ra gente

ca t’astrignuto e mane,

e chi t’ha voluto bene

e  de chi t’ha voluto male,

 

me parlano d’ ‘o puosto

addo stiva â aspettà,

addò tutte venevano

pe’ essere cunsigliato.

 

A no’ je te guardavo,

parive n’avvocato…

a tutte nu cunziglio

e a vote ‘na cazziata.

 

E mò staje ferma e zitta

a te gude ‘o calore,

ma ‘o core pe’ dispietto

te da’ mille parole..

 

Abbracciame n’appoco

e po’ damme a parlà,

nun saje a vocia toja

quantu bene fa!

 

ragalammelle a me

chelli mille parole,

je te stongo a sentì

giuro, nun faccio rummore,

 

regalame ‘sta vita

ca t’ ha signata ‘a faccia,

ma si vuo’ rurmì ruorme

je te tengo rint’ ê braccia.

 

 

 

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 29 Marzo 2020 e modificato l'ultima volta il 29 Marzo 2020
button

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 24 Gennaio 2021

‘A Puisia Napulitana Metropolitana della domenica: “Essa” di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 17 Gennaio 2021

Le poesie in napoletano della domenica: Na fenestella ‘e felicità di Rita Del Noce

Poesie Metropolitane | 11 Gennaio 2021

Le poesie metropolitane in napoletano della domenica, ‘A falsità di Marco Cenere