fbpx
martedì 26 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

Le poesie metropolitane in napoletano della domenica, ‘A falsità di Marco Cenere

Poesie Metropolitane | 11 Gennaio 2021

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con una poesia di Marco Cenere

Marco Cenere

Marco Cenere, nato a Roma il 21.06.1993, dalle origini calabro-molisane.  Lavora come consulente legale d’impresa presso uno studio legale associato e nel tempo libero coltiva la passione per la lettura ed il teatro. In particolar modo, nutre una profonda ammirazione per i comici romani e napoletani del passato.  Entusiasta viaggiatore, instancabilmente curioso di conoscere culture e persone nuove e sempre pronto ad intraprendere iniziative di viaggio on the road, preferibilmente in bicicletta. 

 

‘A falsità

 ffine ‘e na jurnata

s’hanna fa semp’ ‘e riflessione

te stienne dint’ ô lietto c’ ‘o penziero

e gghiescono fore ‘e conclusione

Chist’anno per esempio è stato

na disperazione

si ce pienze bbuono

n’aggio avuto manco na cunzulazione

Ajere però m’è succieso na strana situazione

stevo bevenn’ ‘o ccafè

e ssenza ‘ntennere né comme né pecché

so’ gghiuto ‘nconfusione assaje.

Aggio visto ô spazzino ca pulezzava ‘o vico

‘o bbarista che sserveva pazzian’ ê ccliente suoje

N’avvocato ca faceva fesso cu ‘e pparole nu disperato

e ddoje ca s’appiccicavano pe ll’odio o p’ ‘ammore

Verenno ‘sta realtà scurdata,

tutto a nu tratto, pe ll’emozione, se gunfiajeno ‘e vvene

‘o sango nun scurreva cchiù dint’ ê ccerevella

e i’ accumnciaje a ttradì ‘e penzieri mjie

Abbiaje a ssunnà scetato

penzanno ca nun era succieso niente

comme si nu cieco veresse

pure levannose ‘e llente

Tutte ‘sti tarantelle ‘e chesta maledetta epidemia

Addiventaje improvvisamente sulo pura fantasia

I’ putevo verè ‘a ggente che alluccava

‘a vocca finalmente nun se mascherava

‘e criature pazziavano c’ ‘o pallone

ce steva n’ata vota na doce sensaziona

Tuttavia, dint’ ô mar d’ ‘e ritorne e dd’ ‘e ll’emozione

decidette ‘e s’assentà ll’alleria.

Viene ccà lle dicette alluccan’ ‘a felicità

ca senz’ ‘e te nun putimmo cchiù campà.

Se vutaje allora ll’alleria e ttoma toma

calma calma dicette: vire…

voce assaje superflue parlano ‘e vaccine

e ttutt’ ‘a gente penza ca ce stammo ormaje vicino

onestamente penzo ca è ssulo na fessaria

ce sta n’ata infezione ca sconfigge chesta umanità,

a vvoglia ‘e dicere ca è ‘a pandemia

è ‘a peggia malatia

Ce sta ancora troppa ipocrisia

e na femmena, ‘e n’istituzione

‘e nu Stato o, peggio ancora, ‘e n’ammore

‘e tutt’ ‘e mode c’ ‘a chisto po essere considerato

E allora ‘o saje che dd’è?

fatte na domanda tu ca sî ‘a felicità

comme ha fatto tutt’ ‘a ggente fino a mmò a ttenè chesta pucundria

se dinto a ll’anema sta malata ancora d’ipocrisia

Forze ‘o saje pecché

pecché ‘a falsità nun è annasconnere a ll’umanità

è annasconnere a sse stesso; ca nun se po cchiù migliorà.

Marco Cenere

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 11 Gennaio 2021 e modificato l'ultima volta il 11 Gennaio 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 24 Gennaio 2021

‘A Puisia Napulitana Metropolitana della domenica: “Essa” di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 17 Gennaio 2021

Le poesie in napoletano della domenica: Na fenestella ‘e felicità di Rita Del Noce

Poesie Metropolitane | 3 Gennaio 2021

La prima poesia metropolitana in napoletano del 2021: Antonino Del Giudice