martedì 20 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

Le poesie metropolitane in napoletano della domenica: ‘E culure d’ ‘a Pandemia di Elio Messina

Poesie Metropolitane | 7 Febbraio 2021

La rubrica di Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia.
Associati e dai voce alle tue parole. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Oggi in compagnia del poeta metropolitano Elio Messina 

Elio Messina

Elio Messina nasce a Napoli il 26 novembre del 1966,è dalle scuole elementari che mostra grande interesse per le materie artistiche. Prosegue gli studi diplomandosi in elettronica industriale presso l’ Itis Augusto Righi di Napoli senza mai rinunciare al suo interesse per l’arte a cui dedica maggiore spazio. Titolare di una nota azienda nel settore elettrico ed elettronico affianca alla passione per la pittura, la fotografia ed il piacere per la scrittura.

 

‘E CULURE D’ ‘A PANDEMIA

Chist’ è ‘o tièmpo d’ ‘a pandemia,
Chi ce vo giallo, chi arancione, chi ce vo russo.
Stammatina ca ‘o tièmp’ è bbuono, me faccio na cammenata pe Mmargellina,
me pare primmavèra, mmece e fòglie accumenciano a’ ngiallì.
Napule è na serèna nustalgia ca me cunnulèa quanno ‘a vèco.
Guard’ ‘o mare, ca se stenne doce doce ncopp’ a chisti scuoglie e ssento ‘a voce soja, parlà d’ammore.
Che gùdimènto, me fa bbene a ll’anema,
me sènto n’ ommo libbero e cchi è mmèglio ‘e me .
A cchi ‘ncontro e mm’ addimanna : ma vuje site gialle o russo? je lle rispongo:
Ma quale giallo, russo o paunazzo, ‘o core mio si tégne e blú comm’ ‘o mare ‘e ‘sta città.

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 7 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 6 Febbraio 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 18 Aprile 2021

A’ Puisia della domenica in compagnia del poeta metropolitano Salvatore Nardi

Poesie Metropolitane | 11 Aprile 2021

‘A Puisia in napoletano della domenica: “L’attore” di Francesco Scaramuzzino

Poesie Metropolitane | 4 Aprile 2021

‘A Puisia Metropolitana della domenica: Ammore malato di Carmine Orofino