lunedì 21 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

Le Poesie metropolitane in napoletano della domenica: “Na vucella piccerella” di Renato Palumbo

Poesie Metropolitane | 22 Novembre 2020

La rubrica di Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare gli associati e le loro poesie inedite in napoletano. Ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

 

Buona lettura con la poesia di Renato Palumbo

 

 

Renato Palumbo

Renato Palumbo è un artigiano, un creativo, un appassionato della manipolazione dei materiali, e soprattutto un cesellatore di parole. Poeta per diletto e vocazione, riporta su carta, rigorosamente a mano e con l’irruenza dell’istinto, le sensazioni, le emozioni, i sentimenti, l’armonia degli affetti e l’incanto della natura. Lui racconta, descrive, cristallizza momenti di vita. E lo fa sovente con la lingua del cuore, il dialetto della sua Napoli.

 

Na vucella piccerella

Chianu chiano se fa notte
‘e lluce d’ ‘o sole se so fatte
cannele.
‘E penziere so’ sentinelle, s’appresentano,
e tte danno ‘a bbòna sera.
M’pietto me porto ‘o sciato d’ ‘o munno
e ‘a malincunia è addiventata
ll’amica mia cchiu’ sincera.
Vaco sbarianno cu ll’uocchie
da na stella  a n’ata c’ ‘a speranza
dint’  ô core da putè sentere na vucella.
Na vucella piccerella ca me cantasse
na canzona accussì , perdenneme ncopp’ a stì nnòte, jo nun pensarrìa a cchello
ca sarrà dimane.

Renato Palumbo

 

 

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 22 Novembre 2020 e modificato l'ultima volta il 22 Novembre 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 30 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: ‘A dignità, di Assunta Sperino

Poesie Metropolitane | 23 Maggio 2021

‘A Puisia napoletana della domenica: Te cunuscevo già di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 16 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: “Ma che tt’aspiétte?” di Rosa Mancini