martedì 20 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

Le poesie metropolitane in napoletano della domenica: “Natale nun vene cchiù” di Domenico Giordano

Poesie Metropolitane | 31 Gennaio 2021

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con la poesia di Domenico Giordano

Domenico Giordano

Domenico Giordano nasce a Napoli il 9 Maggio del 1981 da una famiglia modesta e operaia, da papà Antonio (operaio edile) e mamma Rosa ( casalinga ) secondogenito di 3 figli maschi. La sua giovane età non vieta di seguire la passione per la poesia che nasce per l’appunto già dai tempi adolescenziali,infatti scrive la sua 1° poesia a 10 anni per una recita scolastica. Ne coltiva la passione con il passar degli anni dedicando versi alla fidanzata conosciuta a 16 anni diventata poi nel corso degli anni sua moglie,  lei resta sempre  musa ispiratrice per le sue frasi d’amore.

Gli anni passano e la passione cresce (anche se messa un pò da parte per qualche tempo) d’improvviso riaffiora con continue ispirazioni, forse per l’età che avanza, o per la stabilità di un amore che non ha eguali, o per la nascita di un figlio che ha aggiunto notevoli sfumature alla sua vita, resta il fatto che di lì a poco saranno molte le poesie che riesce a scrivere. Afferma che: “ la poesia è un richiamo della coscienza ed un’esigenza per l’anima, ascolta sempre il cuore per raccontare le sue emozioni, non cerca mai l’ispirazione perché è lei che sa dove trovarlo ”, aggiunge anche; “ tutto ciò che crea emozioni per lui diventano poesie, è molto sensibile alla vita che lo circonda e cerca di osservare tutto ciò che essa offre. Si definisce semplicemente “ il poeta della porta accanto ”, perché non tutti sanno di questa passione, ed anche “ un poeta in casa sua ” perché la mia famiglia ne esalta qualsiasi operato. Nel 2018 decide di partecipare per la prima volta a concorsi letterari e ad oggi vanta già numerosissime partecipazioni a vari concorsi e salotti culturali ( tra cui il Donizetti presentato dalla poetessa Carmen Percontra), dove riceve nella maggior parte delle volte attestati di stima per i temi trattati. I premi ricevuti invece vanno tra i “ Plauso letterario ”, “ Menzioni d’onore ”, “ Premi speciali ”, “ piazzamenti in finali vari ”  . E’ presente anche in alcune antologie con varie liriche tra cui “ Carnale – gocce poetiche di eros ” a cura di Poesie Metropolitane, edito da  Marotta&Cafiero 2019, “ Napoli omaggio in versi ” di Bruno Mohorovich con editore Bertoni Editore 2019, ” Un cielo di Poesia 2019 ” di Matteo Cotugno in versione ebook.

NATALE NUN VÉNE CCHIÙ

“È cche nnuttata aggio passato!

Che bbruttu suonno c’aggio fatto!”

Me so’ scetato a ll’intrasatta

‘int’ a nu mare ‘e chianto .

 

Me so’ truvato dint’ ô suonno

“Ve sto’ cuntanno comm’è stato”

Mmiézo â via, e stevo i’ sulo

vicule ô scuro, e ppur’ ‘e strate .

 

Proprio mò?, Aggio penzato!

Ma ogge, nun aveva venì Natale?

Ccà nun se ne sente manco addóre

e ll’ arbere? Pecchè nun so’ addubbate?.

 

quaccosa ‘e grave sarrà succiésso

ma nun me ne rendo ancora conto

po’ culluruso cu cchistu penziéro

continuo ‘o cammino pe cchistu quartiere.

 

A nu certo mumento, però ‘a luntano

veco ‘int’ ‘o scuro chist’ommo sulagno

m’avvicino a isso cu ggrazia e lle dico;

“Scusateme, ‘e ‘stu fatto sapito quaccosa?!.

 

Pecchè ‘stu quartiere stasera sta’ ô scuro?

nun è cchiù Natale? E scusateme ancora!”

St’ommo a nu tratto risponne chiagnénno;

“So’ stato custrétto, nun vulévo, v’ ‘o ggiuro!.”

 

‘Into stupore i’ cchiù niente sapevo

si stèvo scetato, o sunnanno po’ stèvo.

‘Ntramento chist’ommo però dice pure;

“P’‘o munno oramaje nun ce crede nisciuno!.”

 

“A cche ve serveno luce e llampiune

si ‘o primmo si tu a ttenè ‘o core scuro.

A cche ve servene ‘e tavule ‘mbandite

assettanneto a mmagnà penzanno a tte sulo.”

 

Nun penzà ca nun me ne dispiace

m’avita custretto ‘sta vota a llo fà

e rrestarrà accussì fino a qquanno

‘a gente d’‘o munno ritorna a ssunnà.

 

“Allora Natale”; accussì aggio risposto

né ogge e né maje cchiù pe mme venarrà

pecchè ‘int’ ê suonne d’‘a gente ce sta’ sulo

‘e vedè comme ha dda fa pe tte mbruglià.

Domenico Giordano

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 31 Gennaio 2021 e modificato l'ultima volta il 31 Gennaio 2021

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 18 Aprile 2021

A’ Puisia della domenica in compagnia del poeta metropolitano Salvatore Nardi

Poesie Metropolitane | 11 Aprile 2021

‘A Puisia in napoletano della domenica: “L’attore” di Francesco Scaramuzzino

Poesie Metropolitane | 4 Aprile 2021

‘A Puisia Metropolitana della domenica: Ammore malato di Carmine Orofino