giovedì 24 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

Le poesie metropolitane in vernacolo della domenica

Poesie Metropolitane | 27 Settembre 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia. Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con la poesia di Marcella Altiero

 

Marcella Altiero

 

Marcella Altiero nasce a Caserta. Dopo essersi laureata in Giurisprudenza ed avere conseguito la Specializzazione nelle professioni legali presso l’università S.U.N., frequenta numerosi Master di perfezionamento in materia legale. Si abilita all’esercizio della professione di Avvocato che esercita tutt’ora, e consegue l’Abilitazione all’insegnamento in materie giuridiche ed economiche e la Specializzazione sul sostegno Tfa presso l’Università di Salerno, diventando Insegnante nella scuola secondaria superiore di secondo grado.
Appassionata di arte in ogni sua forma, ha preso lezioni private di canto e pianoforte ed è soprano nella corale polifonica diretta dal Maestro R. Messina.
Ha recitato per 15 anni in una compagnia teatrale amatoriale chiamata “Il Carrozzone”, mettendo in scena commedie teatrali napoletane ( di Scarpetta, S. Fayad, De Filippo). Ha preso parte come comparsa ad alcune produzioni cinematografiche realizzate da catleya- sky.
Segue con piacere anche lo sport, in particolare calcio e basket.
Grazie all’ “Associazione Culturale Poesie Metropolitane” scopre anche l’amore nel cimentarsi a scrivere versi, prendendo parte a numerose iniziative poetiche e culturali e ottenendo numerosi riconoscimenti e premi.

 

 

‘O ffuoco se magna ‘o Vesuvio…

Nisciuna mana ca s’allonga p’ ‘o salvà,

nisciuno allucca aiuto,

‘a forza è ppoca

‘e bbraccia nun ll’apporttano.

Pure nu criaturo ‘o vvede:

isso sape c’ ha dda fà pe nun ‘o ffà abbrucià

fino a qquanno nun addiventa gruosso

e ppò se ferma…

comme si se fosse scurdato ch’aveva fà

comme si ântrasatta nun se ne ‘mpurtasse cchiù…

Quanta ggente addulurate

stanno ‘strutte e ddisperate,

quanta lacreme chiagnute 

ca nisciuno po asciuttà.

Comme va ca d’ ‘o Parlamento

nun arriva maje na scossa

ca purtasse dint â fossa

tutta ‘a rogna ca ce stà?

-Ma attenzione, Dio ce stà!-

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 27 Settembre 2020 e modificato l'ultima volta il 28 Settembre 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 30 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: ‘A dignità, di Assunta Sperino

Poesie Metropolitane | 23 Maggio 2021

‘A Puisia napoletana della domenica: Te cunuscevo già di Carmine Orofino

Poesie Metropolitane | 16 Maggio 2021

‘A Puisia della domenica: “Ma che tt’aspiétte?” di Rosa Mancini