fbpx
sabato 28 marzo 2020
Logo Identità Insorgenti

Le poesie napoletano dell’Associazione Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 22 Marzo 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con la poesia di Domenico Giordano

Domenico Giordano

Domenico Giordano nasce a Napoli il 9 Maggio del 1981 da una famiglia modesta e operaia, da papà Antonio (operaio edile) e mamma Rosa ( casalinga ) secondogenito di 3 figli maschi. La sua giovane età non vieta di seguire la passione per la poesia che nasce per l’appunto già dai tempi adolescenziali,infatti scrive la sua 1° poesia a 10 anni per una recita scolastica. Ne coltiva la passione con il passar degli anni dedicando versi alla fidanzata conosciuta a 16 anni diventata poi nel corso degli anni sua moglie,  lei resta sempre  musa ispiratrice per le sue frasi d’amore.

Gli anni passano e la passione cresce (anche se messa un pò da parte per qualche tempo) d’improvviso riaffiora con continue ispirazioni, forse per l’età che avanza, o per la stabilità di un amore che non ha eguali, o per la nascita di un figlio che ha aggiunto notevoli sfumature alla sua vita, resta il fatto che di lì a poco saranno molte le poesie che riesce a scrivere. Afferma che: “ la poesia è un richiamo della coscienza ed un’esigenza per l’anima, ascolta sempre il cuore per raccontare le sue emozioni, non cerca mai l’ispirazione perché è lei che sa dove trovarlo ”, aggiunge anche; “ tutto ciò che crea emozioni per lui diventano poesie, è molto sensibile alla vita che lo circonda e cerca di osservare tutto ciò che essa offre. Si definisce semplicemente “ il poeta della porta accanto ”, perché non tutti sanno di questa passione, ed anche “ un poeta in casa sua ” perché la mia famiglia ne esalta qualsiasi operato. Nel 2018 decide di partecipare per la prima volta a concorsi letterari e ad oggi vanta già numerosissime partecipazioni a vari concorsi e salotti culturali

( tra cui il Donizetti presentato dalla poetessa Carmen Percontra), dove riceve nella maggior parte delle volte attestati di stima per i temi trattati. I premi ricevuti invece vanno tra i “ Plauso letterario ”, “ Menzioni d’onore ”, “ Premi speciali ”, “ piazzamenti in finali vari ”  . E’ presente anche in alcune antologie con varie liriche tra cui “ Carnale – gocce poetiche di eros ” a cura di Maria Concetta Dragonetto e Rosa Mancini edito da  Marotta&Cafiero 2019, “ Napoli omaggio in versi ” di Bruno Mohorovich con editore Bertoni Editore 2019, ” Un cielo di Poesia 2019 ” di Matteo Cotugno in versione ebook.

O suonno cchiú bello, “ Napule mio”

Ve vulesso raccuntà che mm’ ‘è ssucciesso

nu fatto strano, verso ‘st’ ora ll’ata sera

me stevo arrepusanno cu ‘e penziere

stevo assettato ncopp’a na panchina, sulo.

Tutt’ ‘a nu tratto nun capetto niente

me truvaije mpruvvisamento a n’atu munno

‘e ‘stu paese nun ve dico ancora ‘o nommo

ve dico sulo chesto ….., – ‘o Paraviso – !.

Mille culure ammiscate nzieme ‘o mare

cu tammorra e mandulino se cantava

tanta vicule, e p’ ‘e bbarcuni panne spase

mmiézo a na piazza pullecenella po’ abballava.

Cu addóre ‘e pizza mmiézo’ ‘a via se cammenava

chi cu ‘o babbà o ‘a sfugliatelle se sazziava

tutt’ acchittate ‘stì signiure mpont’ ‘e strate

se luvavene ‘o cappiello pe’ nu saluto rispettato.

Castel dell’ Ovo, po’  ‘o Puorto, ll’ Angiuino,

Marechiaro, Cap’ ‘e Monte, Margellina

Pusilleche, po’ chella piazza Plebiscito

addò addirittura ‘o Rrè steva ‘e cas’ ‘a ‘int’.

Nun credeveno a ttutto chesto, ‘st’uocchie miei

me pareva ‘e nu pittóre ‘stu dipinto

ca cu ppenniello e ‘a fantasia ha vuluto sulo

incidere ‘int’ ‘a nu quatro ‘a vita soja.

Cammenanno però me so’ truvato pure

‘nnanz’ ‘a na Cchiesia ca se murmuliava ‘a fóra

– sè sta’ sgliuglienno – !, sulo chesto aggia sentuto

‘ o Santo ha fatto ‘a grazzia; ‘a ggente dice.

Aggia chiesto spiegazione a nu signore

isso risponno ; – ma nun hê capito ancora – ?

i’ dico ; – NO – !, e pe’ chesto chiedo scusa

vurria sapè addò stamme, – ‘o Duomo -!; dice.

Cu ‘st’uocchie nfuso ‘e lacreme i’ risponno ;

” allora stamme a Nnapule ” ? ncè credo !

po’ sento però antrasatto na mano ‘e dicere

tuculianneme lentamente, guagliò mo scetate.

‘Sta vocia pareva già dà vè sentuto

” ‘o cristiano ‘e ‘int’ ‘o Duomo ” è isso, ggiuro !

chè sullievo, m’ ero sule addubbechiato

che bellu suonno è Nnapule, è chesta ‘a verità.

Domenico Giordano ( 2 Gennaio ) 2019

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 22 Marzo 2020 e modificato l'ultima volta il 22 Marzo 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 15 Marzo 2020

Le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 1 Marzo 2020

Le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 23 Febbraio 2020

Le poesie in napoletano dell’associazione Poesie Metropolitane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi