sabato 20 luglio 2019
Logo Identità Insorgenti

L’EVENTO

Al via da oggi il Capua il Luogo della Lingua festival: il premio a Saverio Costanzo

Cultura, Lingua Napoletana | 29 Maggio 2019

Ha inizio oggi la quattordicesima edizione del Capua il Luogo della Lingua Festival, rassegna promossa dall’associazione Architempo, che si svolge a Capua dal 2005 e celebra ogni anno la lingua e la letteratura. La manifestazione si articolerà in cinque giorni di eventi, da oggi, 29 maggio al 2 giugno.

Il linguaggio e la lettura saranno al centro del festival, che coinvolgerà anche il teatro, il cinema, la musica e la gastronomia, mentre celebrerà la città di Capua con i suoi luoghi simbolo: il Quadriportico della Cattedrale, Palazzo Fazio, la chiesa di San Salvatore a corte, piazza dei Giudici, Palazzo Fieramosca, piazza San Tommaso d’Aquino, la chiesa del Gesù Gonfalone, il cine-teatro Ricciardi.

Capua e il Placito capuano

A ispirare l’evento è il Placito capuano, un documento risalente al X secolo, che contiene una formula giuridica, riconosciuta dagli studiosi come la prima testimonianza scritta di un volgare italiano. Il Placito appartiene a un periodo storico molto importante per la nostra regione, che ha visto protagonista la città di Capua, capitale dell’omonimo principato longobardo.

Tra gli ospiti Mimmo Borrelli e Diego De Silva

Tra gli ospiti il regista Saverio Costanzo, il drammaturgo Mimmo Borrelli, lo scrittore Diego De Silva, la giornalista e conduttrice tv Daria Bignardi, l’attrice Giorgia Würth, il sociologo Domenico De Masi.

Il premio Placito Capuano al regista Saverio Costanzo

Nel corso della manifestazione verrà consegnato il Premio Placito Capuano, che viene assegnato a una personalità del mondo culturale che attraverso il suo lavoro abbia dato un contributo alla diffusione della lettura in Italia.

Un premio che è stato consegnato nelle edizioni precedenti a personalità quali la scrittrice Dacia Maraini, l’attore e scrittore Marco D’Amore, lo scrittore Maurizio de Giovanni.

Quest’anno sarà premiato Saverio Costanto, regista della serie di successo internazionale, L’amica geniale,  tratta dal primo libro della quadrilogia di Elena Ferrante.

Teresa Apicella

Un articolo di Teresa Apicella pubblicato il 29 Maggio 2019 e modificato l'ultima volta il 29 Maggio 2019

Articoli correlati

Cultura | 18 Luglio 2019

L’ALTRO LUCIANO

Il De Crescenzo fotografo: le foto più belle che raccontano Napoli e il suo popolo

Cultura | 18 Luglio 2019

L’ADDIO

Ci lascia Luciano De Crescenzo, eterno professor Bellavista e mito napoletano eterno

Cultura | 18 Luglio 2019

GENERAZIONE MONTALBANO

Camilleri, padre letterario di chi alla giustizia ha provato a dar nome

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi