fbpx
domenica 9 agosto 2020
Logo Identità Insorgenti

L’EVENTO

Il 14 dicembre la notte bianca al centro storico di Napoli

Cultura | 8 Dicembre 2019

Sabato 14 dicembre 2019 a Napoli dalle ore 19,30 la settima edizione della Notte d’Arte, un evento promosso dalla Seconda Municipalità e dedicato alla valorizzazione culturale e sociale della città.

Quest’anno la Notte bianca al Centro storico si chiamerà Break Napoli e vedrà la direzione artistica dell’attore napoletano Gianfranco Gallo. Tutti gli eventi previsti si ispireranno al tema scelto per il 2019: la distruzione di tutti i muri, per annullare le distanze, le differenze e le discriminazioni e per raggiungere una totale inclusione.

A partire dalle ore 19:30 di sabato 14 dicembre 2019, e fino all’una del giorno 15, nel centro storico di Napoli Break Napoli proporrà visite guidate, incontri e performance musical, cinema, open stage per nuove proposte e tanto altro, tutte dedicate al tema di quest’anno.

Non mancheranno anche interventi di musicisti e artisti conosciuti che stanno aderendo alla proposta di Break Napoli e tra questi ci saranno anche Tony Esposito, Maurizio De Giovanni, Maurizio Capone, Marco Zurzolo, Peppe Quintale e Maldestro.

Il logo della manifestazione Break Napoli, che rappresentante l’unione che crea la forza è stato realizzato dall’artista Roxy in the Box che ha racchiuso il tema attraverso un pugno chiuso, con cinque colorazioni della pelle diverse, che stringe una rosa rossa mentre distrugge un muro.

Il programma completo di “Break Napoli” la Notte d’arte di Napoli

17,00 – ANTEPRIMA #CUOREDINAPOLI Azioni e Installazioni Artistiche – A cura del corso di nuove tecnologie dell’Accademia di Belle Arti, gruppo musicale itinerante Bateria pegaOnda.
19,30 – CONCERTO DELL’ORCHESTRA SINFONICA DEI QUARTIERI SPAGNOLI – Quartieri Spagnoli, Via Pasquale Scura.
19,30 – EVENTO NAX (NAPULITANE ARE THE WORLD) – Ideato da Gianfranco Gallo: Disegnatori allievi della Scuola italiana di Comix di Napoli cambieranno i connotati a noti personaggi napoletani, trasformandoli in rappresentanti di altre etnie.
20,15 – ARRIVO DELLA SCALZABANDA – Piazza del Gesù.
20,50 – “BREAKING WALLS” – Piazza del Gesù, Performance Compagnia Giovani Movimento Danza, diretta da Gabriella Stazio.
21,00 – CONCERTO BREAK NAPOLI – Piazza del Gesù, apertura di Maurizio De Giovanni. Conducono Peppe Quintale e Nunzia Marciano. Guests Tony Esposito, Maldestro, I Zezi, Gianfranco Gallo, Maurizio Capone, Marco Zurzolo, Giovanni Block. Open Stage: conducono Rosaria De Cicco e Gaetano Gaudiero.

Il tema è la distruzione di ogni muro

La distruzione di tutti i muri è il tema scelto per il 2019: abbatterli per annullare le distanze, le differenze e le discriminazioni, per raggiungere una totale inclusione.

“La settima edizione della Notte d’arte a Napoli rimanda a un tema ben preciso ovvero alla rottura dei muri, ai 30 anni dalla caduta di quello che divideva Berlino ma, soprattutto, alle separazioni che ancora persistono – spiega Francesco Chirico, presidente della Seconda Municipalità – . Da un’idea così forte, quasi un imperativo dell’attualità, è nato l’avviso pubblico dal titolo ‘Spaccanapoli, l’unico confine al mondo che unisce’. Napoli, da città di artisti, mette a disposizione i propri mezzi, in un momento storico non semplice, in cui il messaggio di inclusività non rappresenta solo un valore, ma un vero e proprio dovere”.

“Da sempre la mia creatività di artista tende alla denuncia delle discriminazioni e all’aspirazione ad un’equità in campo sociale – spiega Gianfranco Gallo –. L’idea originale della Seconda Municipalità prevedeva un percorso che avrebbe interessato Spaccanapoli. Quando mi hanno coinvolto, per trovare una linea artistica che li rappresentasse, ho subito pensato al nome Break Napoli, ‘break’ come rottura, ma anche come pausa, momento di riflessione su quel che sta accadendo nel mondo. Alla richiesta di partecipazione che ho inoltrato a colleghi a me in qualche modo vicini, hanno già aderito personaggi di alto profilo”.

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 8 Dicembre 2019 e modificato l'ultima volta il 8 Dicembre 2019

Articoli correlati

Campania | 18 Luglio 2020

IL RICORDO

Luciano non morirà mai per noi, generazione cresciuta con le sue storie

Cultura | 18 Luglio 2020

RIONE SANITÀ

Un quartiere antichissimo, un quadro prodigioso e una conversione speciale

Cultura | 17 Luglio 2020

PROPOSTE LETTERARIE

“Interrompo dal San Paolo”, un’antologia del Calcio Napoli tra memoria ed emozioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi