fbpx
domenica 17 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

L’EVENTO RIUSCITO

Grande successo per Open House Napoli. 16mila visite in due giorni

Cultura | 28 Ottobre 2019

Si chiude con un gran successo di pubblico la prima edizione napoletana di Open House con 16mila visite in due giorni. In questo weekend i cittadini hanno potuto conoscere e scoprire tantissimi luoghi non accessibili durante l’anno con una formula totalmente gratuita. Una risposta straordinaria da parte dei napoletani che hanno partecipato a circa 100 esperienze tra visite, eventi e percorsi. Casa del Portuale, Cantiere Metro Municipio, nuova Facoltà di Infermieristica a Scampia, Villa Oro, Fondazione Morra Greco, Parco Letterario di Nisida, Giardino di Babuk, Brin 69, Studio Gnosis: sono solo alcune delle mete di un programma che ha svelato una città decisamente inedita (e di alcune di queste vi proponiamo al gallery di Francesco Paolo Busco: dai giardini di Babuk e dal teatro San Ferdinando).

500 volontari tra architetti, studenti e appassionati della città hanno accolto, informato e guidato i visitatori in un racconto collettivo cha ha portato l’architettura ai cittadini. “Un evento che è andato persino al di là delle nostre aspettative non solo per i numeri raggiunti ma per la qualità dei contenuti, la competenza e l’entusiasmo di tutti i volontari coinvolti e la grande passione e voglia di conoscenza dei napoletani”, affermano Stefano Fedele e Alessandra Thomas, direttori di OHN. “Una prima edizione molto partecipata in cui la comunità si è ritrovata insieme per un’attenta riflessione sul passato, il presente e il futuro della città attraverso la sua architettura, un risultato che è per noi di grande stimolo e che ci proietta immediatamente verso la costruzione di Open House Napoli 2020”.

I visitatori – “Entrare da protagonisti dietro le quinte di palazzi, case private, studi, cantieri, teatri e sentirsi ancora di più parte della città: un’esperienza bellissima, sono già pronta per la prossima edizione” dichiara Livia, una visitatrice, mentre per Giuseppe “Open House non sarebbe stato lo stesso senza la simpatia, l’educazione e la passione di questi volontari fantastici”.

Un articolo di Francesco Paolo Busco pubblicato il 28 Ottobre 2019 e modificato l'ultima volta il 28 Ottobre 2019

Articoli correlati

Cultura | 6 Gennaio 2021

ANNIVERSARI IGNORATI

“Napoli dopo mezzanotte”: uno scritto di Francesco Mastriani a 130 anni dalla morte

Cultura | 4 Gennaio 2021

IL DOCUMENTARIO

La bellezza commovente de “Il nostro Eduardo” su Rai Uno il 9 gennaio

Cultura | 29 Dicembre 2020

CINEMA

Il bilancio 2020 della Film Commission Campania: nel 2021 i film di Sorrentino e Martone