fbpx
lunedì 10 agosto 2020
Logo Identità Insorgenti

PALLANUOTO

Settebello, ere a confronto: la sfida tra i campioni del mondo 2011 e 2019

Sport | 30 Luglio 2020

C’è un angolo del mondo, nell’est estremo, dove l’Oceano Pacifico diventa Mar Giallo, in cui sorgono due città. Shanghai non si può non conoscerla, la città principale della Cina probabilmente, almeno economicamente. Gwangju invece, se non la conoscete, vi perdono. Personalmente un anno fa non la conoscevo neanche io e devo googolare sempre per verificare come si scrive. Nel 2019, questa città del Sud della Corea del Sud ospitò la rassegna iridata delle competizioni di nuoto e pallanuoto. Otto anni prima, era stata la volta di Shanghai.

Il minimo comune denominatore è il Settebello, vincitore di entrambe le edizioni.

La quarantena è stata un’esperienza provante e sappiamo che l’emergenza non è finita e l’attenzione va tenuta ancora alta, a dispetto di chi irresponsabilmente specula in cerca di consenso. E come abbiamo constatato, i soggetti più deboli in partenza sono coloro che mediamente hanno sopportato maggiormente gli effetti negativi di questa situazione irreale. Nella società come nello sport. Il calcio ha pagato dazio con un’interruzione forzata e una ripresa di corsa a porte chiuse, spinto dalla necessità di racimolare ogni spicciolo possibile, ma almeno ha ripreso.

La pallanuoto, già in difficoltà senza pandemia, è in totale confusione. Basti pensare che alcune squadre hanno scelto di retrocedere automaticamente in A2 per l’insostenibilità del campionato maggiore. Roba che nel calcio solo la Longobarda e il Palermo di Zamparini. Ancora una vota, il compito di tenere vivo questo sport è affidato alla nazionale. Sfumata anche la possibilità del torneo con Spagna e Montenegro, si è scelto comunque di offrire uno spettacolo.

Ieri sera, nella cornice di Ostia è andato di scena un incontro amichevole tra campioni del mondo. In calottina bianca, i campioni del mondo di Shanghai 2011, allenati da Sandro Campagna. In calottina blu, i campioni del mondo in carica di Gwangju, guidati dal vice Amedeo Pomilio. Non credo che in Italia sia possibile in qualsiasi altro sport uno scontro di questa portata.

Pochissime le defezioni e tutte giustificate.

Chi impossibilitato a muoversi per le restrizioni imposte, chi invece, come Matteo Aicardi, perché questo maledetto virus se l’è beccato e non si è ancora ristabilito. L’esibizione è stata sicuramente un bello spot per la pallanuoto, una partita molto equilibrata, dove forse proprio l’agonismo non eccessivo ha potuto dare maggior risalto alla spettacolarità dello sport. Anche se i reduci di Shanghai logicamente non sono più nel fiore degli anni, alcuni sono anche già ritirati, grazie anche a qualche aiutino, un regolamento leggermente ammorbidito e qualche rinforzo giovane, hanno tenuto bene il campo e alla fine hanno persino segnato un gol in più degli avversari.

11-10, dirà il tabellino.

Poi tutti ad abbracciarsi, e a salutarsi con l’auspicio che si possa riprendere davvero il prima possibile e che si riesca a salvare uno sport che, seppur agonizzante, rimane l’unico a poter mettere in scena uno spettacolo del genere.

Claudio Starita

Si ringrazia la pagina Bellavista Social Club

L’immagine di copertina è tratta dalla gallery fotografica realizzata da Andrea Straccioli per il sito ufficiale della Federnuoto.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 30 Luglio 2020 e modificato l'ultima volta il 31 Luglio 2020

Articoli correlati

Sport | 8 Agosto 2020

CHAMPIONS LEAGUE

Napoli eliminato, la stagione azzurra finisce a Barcellona

Sport | 7 Agosto 2020

CALCIO IN ROSA

Svelata la nuova Serie A: il Napoli Femminile esordirà a Bari

Sport | 1 Agosto 2020

ULTIMO ATTO

3-1 alla Lazio: il Napoli chiude bene il campionato, testa ora a Barcellona

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi