fbpx
lunedì 1 giugno 2020
Logo Identità Insorgenti

LINGUA NAPOLETANA

“Comme se chiamma”, una poesia di Roberto D’Ajello inaugura la collaborazione con Identità Insorgenti

Cultura, Lingua Napoletana | 30 Maggio 2017

La confusione dei nomi che scivolano via dalla memoria, una scena quasi archetipica di una coppia di anziani immortalata in uno scambio di ricordi, persone, relazioni, professioni, volti di cui ogni volta sfugge il nome. Un bozzetto con un pizzico di assurdo delineato con arguta ironia da Roberto D’Ajello, poeta e traduttore, nella sua poesia “Comme se chiamma”, che abbiamo il piacere e l’onore di pubblicare su Identità Insorgenti, giornale con il quale il grande traduttore ha accettato da questo numero di collaborare. Roberto D’Ajello è autore di numerose raccolte di poesie, tra cui Sustanzialmente io songo n’ommo allero e Limerick napulitane, e vincitore del Premio d’eccellenza 2015 al Groiler Club, NY, per la sua traduzione in napoletano di Alice nel Paese delle Meraviglie.

Comme se chiamma

– Stammatina â piscina aggio ncuntrato…
– Chi hê ncuntrato? – Giesù, comme se chiamma?…
coso—l’amico mio ca s’è spusato…
’a figlia ’e… cosa…avimmo vist’ ’a mamma

nu paro ’e juorne fa, cu… Annamaria.
– Ma addò l’aîmmo ncuntrata? a ’o risturante?
– Qua’ risturante, steva ’mmiez’ ’a via
cu ll’avvocato… chill’ommo scucciante…

– Ma quale via? Nun m’arricordo ’e niente!
– Comme! ‘a strata addò vénnenno ’e giurnale…
chillu vico che scenne, chino ’e ggente…
comme se chiamma? forze San Pascale?

– Ma mo chistu Pascale che ce azzecca?!
nun stévamo parlanno ’e Annamaria?
– Tu nun capisce maie na ficusecca:
Pascale è sulo ’o nomme ’e chella via!

– Comunque sia, tu me stive cuntanno
’e chillo c’hê ncuntrato stammatina,
chill’amico ca se steva abbaggnanno
nizieme cu tte ’int’a ll’acqua d’ ’a piscina.

Se pô sape’ chi è, comme se chiamma
si ’o canosco pur’io, che fa ’e mestiere…
e comm’è ca sapimmo pure ’a mamma?
– Ma staie parlanno ’e stammatina o ’e aiere?

– Ma comme! aiere?… te sî nzallanuto?!
mo mmo m’hê ditto ’o fatto d’ ’a piscina!
Siénteme a mme, aîmm’a cerca’ l’aiuto
’e uno ca te dà na mmerecina

ca te sceta ’a cervella e te pulezza
’e rutelle arruzute d’ ’a memoria.
Tu sî giovine ancora, e che schifezza!
primma ’e dimane ha dda ferni’ ’sta storia!

Senza perdere tiempo, ampressa ampressa,
telefunammo a chillu prufessore…
ca se spusaie… chella prufessuressa…
amica d’’a mugliera ’e Salvatore…

– ’O miedeco d’ ’e pazze?! – Eh! ’o spicialista
d’ ’e ccervelle d’ ’a gente, m’hê capito?
teneva na cainata farmacista…
c’hêva spusato… ’a sora d’’o marito…

– L’ âmm’ ’a telefuna’ stasera stessa,
accussì nce facimmo nu prugramma.
Piglia l’elenco, cercalo, fa’ ampressa!
– Comme se chiamma, ma comme se chiamma?!

Roberto D’Ajello

Anacapri, 10 agosto 2016

Un articolo di Teresa Apicella pubblicato il 30 Maggio 2017 e modificato l'ultima volta il 3 Giugno 2017

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi