giovedì 13 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

L’INIZIATIVA

All’Ex Opg “Je so’ pazzo” di Napoli nasce il banco alimentare “Sanacore”

Je so' pazzo | 31 Dicembre 2020

Nasce al centro sociale Ex Opg “Je so’ pazzo” del quartiere Materdei, il banco popolare alimentare “Sanacore”. Il nome, preso in prestito dalla famosa canzone degli Almamegretta, per gli attivisti del centro è un forte appello alla collettività. Oggi vi spieghiamo in cosa consiste questa iniziativa di solidarietà e come contribuire.

Durante la prima fase della pandemia la voragine tra ricchi e poveri si è aperta ancora di più. E di certo questa non è una novità: abbiamo visto tutti come anche in questi giorni di festività natalizie sono andate ad aumentare le file fuori i banchi alimentari. Un esempio è quello di Piazza del Carmine, che ogni domenica vede una fila chilometrica di senzatetto, ma anche famiglie di disoccupati o lavoratori lasciati senza un reddito. Un’immagine impressa negli occhi di tutti, anche se qualcuno ancora oggi fa finta di non vedere… in passato vi abbiamo raccontato come proprio dalla Chiesa del Carmine siano arrivati pacchi ai collettivi, che li hanno distribuiti ai bisognosi.

Già nella primissima fase di emergenza, gli attivisti di “Je so’ pazzo” hanno distribuito pacchi alimentari alle famiglie in difficoltà ‍con un’iniziativa di solidarietà porta a porta. Stando ai numeri forniti, in quell’occasione furono raggiunte ben 340 famiglie in difficoltà. Un pacco di 26 kg ogni 2 settimane per più di 3 mesi, utilizzando i 42mila euro raccolti grazie al contributo dei sostenitori del progetto. Da qui l’idea dei ragazzi dell’Ex Opg di istituire un nuovo banco alimentare “popolare”. Progetto non limitato solo nell’area del quartiere di Materdei ma esteso all’intero centro di Napoli, e fino alle periferie lontane. Per sostenerlo è stata istituita una campagna di crowdfunding online e organizzato il lavoro dei tanti attivisti del centro.

Gli attivisti spiegano con un’infografica a cosa serviranno questi fondi:

La campagna di crowdfunding è partita da 5 giorni, nei quali sono stati raccolti quasi 2000 euro. Ad ora, un’ala del centro sociale di Materdei è stata allestita come magazzino nel quale si preparano i pacchi da distribuire. Invitiamo tutti a una donazione libera, per farlo basta cliccare su questo link del sito “Produzioni dal basso”.

Un’iniziativa necessaria, che mostra la parte più bella e solidale del popolo napoletano. Popolo che non lascia nessuno indietro e che rinnova queste iniziative di lotta e solidarietà anche per il 2021.

Ciro Giso

Un articolo di Ciro Giso pubblicato il 31 Dicembre 2020 e modificato l'ultima volta il 12 Gennaio 2021

Articoli correlati

Attualità | 15 Aprile 2020

FATE PRESTO

Un bilancio sul bonus spesa a Napoli a cura dell’ex Opg Occupato Je So Pazzo

Je so' pazzo | 13 Maggio 2019

LA DENUNCIA

Napoli Sotterranea: prosegue il processo per molestie nei confronti di Albertini

Je so' pazzo | 5 Marzo 2018

ELEZIONI 2018

Potere al Popolo non arriva al tre: eppure quell’1 per cento su scala nazionale resta un miracolo